Snpa ad Ambiente Lavoro: rischio chimico in laboratorio e misure 5G

995

Si è chiusa venerdì 3 dicembre Ambiente Lavoro 2021, la manifestazione interamente dedicata alla diffusione di una nuova cultura della sicurezza sui luoghi di lavoro, che ha visto accorrere a Bologna tutti gli stakeholder del settore. La fiera è stata l’occasione per approfondire i temi strategici in ambito di sicurezza, salute, prevenzione, adeguamento della normativa, le scelte necessarie e le prospettive del futuro, anche alla luce degli investimenti del PNRR.

Due gli interventi portati in Fiera dal Sistema nazionale della protezione dell’ambiente, presente con relatori provenienti da Arpa Basilicata, Lazio e Piemonte.

Marica Martino illustra l’algoritmo di valutazione del rischio chimico in laboratorio

La prima occasione è stata fornita dal workshop “Valutazione e gestione del rischio chimico nei laboratori: il nuovo manuale UNICHIM 192 – 3”, dove Marica Martino, chimico analista del laboratorio di Arpa Basilicata, ha illustrato la presentazione preparata con il collega Donato Lapadula.

Presentazione-rischio-chimico_Bologna_Martino

“L’algoritmo del sistema delle agenzie ambientali per la valutazione del rischio chimico in un laboratorio” è il frutto di un lavoro iniziato nel 2005, portato avanti con confronti anche internazionali, basato sui contributi di Snpa anche grazie al lavoro del Centro interagenziale “Igiene e Sicurezza del Lavoro” quale rete dei referenti del tema Sicurezza del Lavoro,  coordinato da Arpa Liguria con la presenza di Basilicata, Emiia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Lombardia, Marche, Sicilia, Valle d’Aosta, Ispra e Inail.

L’algoritmo, inserito anche nel manuale Unichim, è utilizzabile da tutti i Datori di Lavoro come supporto alla valutazione del rischio collegato alle numerose sostanze in uso nei laboratori; nato dall’esperienza delle agenzie, integra il modello ispra (in sala era presente proprio Fabio Cianflone, rspp Ispra) adattandolo a laboratori dove le sostanze chimiche sono diverse e numerosissime, spesso presenti in concentrazioni relativamente piccole, e nei campioni da indagare c’è presenza di contaminanti non sempre noti, ed è efficace anche in assenza di valori limite. Giunto alla terza revisione, era stato deliberato anche dal Consiglio Snpa all’interno del Manuale per la valutazione del rischio da esposizione ad agenti chimici pericolosi e ad agenti cancerogeni e mutageni: qui è possibile scaricarlo e utilizzarlo.

Il secondo appuntamento con i tecnici delle Agenzie si è avuto all’interno del convengo “Esposizione umana ai campi elettromagnetici: come e cosa sta cambiando? Presentazione del Dossier Ambiente dedicato”.

In questo caso Daniele Franci e Settimio Pavoncello di Arpa Lazio hanno presentato Misure ambientali su segnali 5G: problemi aperti, nuove metodiche di misura e strumentazione a supporto”, intervento preparato con la collaborazione di Tommaso Aureli.

AmbienteELavoro_Franci-Pavoncello

Sara Adda (anche a nome di Mattia Vaccarano) di Arpa Piemonte ha illustrato la “Stima dell’esposizione della popolazione ai segnali che implementano il Dynamic Spectrum Sharing tra 4G e 5G – Misura della massima esposizione ai segnali 5G mediante forzatura del traffico dati”: due approcci diversi, ma finalizzati all’unico obiettivo della verifica del rispetto dei limiti normativi.

AmbienteELavoro_Adda-Vaccarono-1

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.