Rete “Comunicazione e Informazione”

Il Consiglio nazionale Snpa, il 22 febbraio 2018, ha recepito la proposta di trasformare il GdL n.48 “Comunicazione”, in una Rete dei referenti della comunicazione e informazione – avanzata dal gruppo stesso –  che diventa la Rete Comunicazione e informazione Snpa.

Lo stesso Consiglio ha deciso che questa Rete, per il carattere strategico delle sue competenze, si riferisce direttamente all’Ufficio di Presidenza Snpa, a differenza di tutti gli altri gruppi di lavoro e reti di referenti, che sono inseriti nei cosiddetti TIC (Tavoli Istruttori del Consiglio).

E’ importante sottolineare il carattere di “Rete”, con tutte le caratteristiche che questa forma organizzativa ha, e cioè il fatto di non essere una struttura gerarchica, ma fra pari, flessibile, dinamica, adattiva. Ogni nodo della rete può portare contributi originali, mettendoli a disposizione di tutti gli altri nodi, sulla base delle proprie esperienze e specificità.

Ad esempio le più recenti iniziative che stiamo realizzando, hanno visto un ruolo principale svolto dai comunicatori di alcune singole agenzie, il Laboratorio sulla comunicazione di emergenza (Arpa Piemonte), il seminario su Parlare d’ambiente nella transizione verso il nuovo modello di sviluppo (Arpa Umbria), l’indagine su ruolo e inquadramento di chi fa comunicazione nel Snpa (Arpa Marche).

Questa Rete ha, oltre al compito di coordinare i vari soggetti che compongono il sistema per queste tematiche, anche, e soprattutto, il compito di assicurare una gestione quotidiana degli strumenti di comunicazione integrati già messi in campo (AmbienteInforma, @Snpambiente) e gli altri che si auspica poter presto attivare (rivista di sistema, ufficio stampa di sistema ecc.).

Considerata la complessità di tali compiti, la Rete è caratterizzata da un assetto a “geometria variabile” (modulare e dinamica) capace di adattarsi, in relazione alle attività da svolgere, con un coinvolgimento ampio di tutte le componenti del Sistema.

In altre parole, la Rete è composta  – come per tutte le reti similari – da rappresentanti di Ispra e di tutte le Agenzie, preferibilmente i responsabili per le funzioni comunicazione e informazione, ma poi si articola – coinvolgendo anche altre persone – in ulteriori gruppi/redazioni per i singoli mezzi/ strumenti attivati. D’altra parte questo era già l’assetto che in pratica si era dato il GdL n.48, ma che dovrà via via aggiornarsi con la più ampia partecipazione da parte di tutte le Agenzie ai vari filoni di attività.

Questa trasformazione è stata possibile grazie al lavoro di quasi tre anni del GdL [vedi sotto] che ha permesso di iniziare a costruire un tessuto comune di conoscenze ed esperienze fra i comunicatori, donne e uomini delle Agenzie ambientali e di Ispra, una vera e propria rete di relazioni e collaborazioni, indispensabile per conseguire l’obiettivo di una progressiva e sempre più avanzata integrazione delle attività di comunicazione e informazione nel Snpa.

L’attività svolta dal GdL Snpa n.48 “Comunicazione”

Nell’ambito del programma triennale delle attività del Sistema nazionale della protezione ambientale (Snpa), così come è stato fatto per molti altri ambiti di attività, è stato costituito nel 2015 dall’allora Consiglio federale un gruppo di lavoro (GdL) sulla comunicazione, composto da rappresentanti di Ispra e di tutte e 21 le Agenzie ambientali regionali (Arpa) e delle Province autonome (Appa); il GdL è coordinato da Arpa Toscana; GdL che ha operato dal maggio 2015 a dicembre 2017.

Obiettivo del gruppo di lavoro era quello di “fare rete” e mettere in comune le esperienze più avanzate su tale fronte per sviluppare modalità di comunicazione coordinata, almeno su alcuni temi cardine che mediaticamente investono la società. Per ottenere questi risultati è stato definito un piano operativo (POD), approvato dal Consiglio federale (3 novembre 2015), nel quale sono state pianificate azioni integrate di comunicazione e diffusione della informazione ambientale, utili anche ad affermare l’identità del Snpa e rafforzarne l’immagine nei confronti degli stakeholder e, più in generale, dell’opinione pubblica.

Il GdL ha tenuto otto riunioni plenarie in presenza, oltre ad alcune iniziative pubbliche in forme seminariali, con interlocutori e fruitori della comunicazione e della informazione ambientale sulle loro attese nei riguardi del Snpa, e promosso una serie di attività:

Inoltre sono state promosse altre attività non formalizzate:

  • E’ stato definito (in collegamento con il GdL n.26 “Indicatori ambientali”) un set di indicatori per rappresentare in modo omogeneo e coordinamento le attività di comunicazione e informazione svolte da Ispra e dalle Agenzie ambientali, iniziato ad attuare a partire dai dati 2017.

  • Redazione di Linee guida per la comunicazine nelle situazioni di emergenza ambientale.
  • Avvio di un coordinamento degli uffici stampa di Ispra e delle singole Agenzie per la diffusione di comunicati condivisi in situazioni di particolare rilievo (es. presentazione di report di Sistema, come, ad esempio, quello sulla Qualità delle aree urbane).

  • Contatti con altri gruppi di lavoro e progetti (Documentazione, Educazione ambientale, SI-URP, Rapporto qualità ambiente urbano, Rapporto sullo stato dell’ambiente ecc.) per iniziative condivise

  • Predisposizione, in corso, del Piano di comunicazione del Sistema e redazione di Linee di indirizzo utili alla pianificazione della comunicazione nelle singole Agenzie e in Ispra

  • Avvio di una collaborazione / interscambio nella produzione/utilizzo di materiali multimediali e realizzazione di un TG-Web del Sistema.

Occorre in particolare evidenziare l’attività svolta per gestire i primi strumenti di comunicazione integrata del Sistema, e cioè il notiziario AmbienteInforma e l’account Twitter @Snpambiente (a cui, recentissimamente si è aggiunto un account Snpambiente su Issuu).

AmbienteInforma, dopo la produzione di numerosi numeri zero, ha iniziato le pubblicazioni il 26 maggio 2016 e, a fine ottobre 2018 è stato pubblicato in n.150 numeri, per un totale di oltre 2.700 articoli. Inviato a un indirizzario di circa 100.000 destinatari – fra i quali  tutto il personale di Ispra e delle Agenzie ambientali, nonché di stakeholder e di persone sensibili ai temi ambientali – il notiziario registra un numero crescente di lettori.

La realizzazione del notiziario vede il coinvolgimento di Ispra e di tutte le Agenzie ambientali che fanno parte della Redazione allargata, mentre un Comitato di Redazione, nel quale sono presenti metà delle Agenzie, si riunisce settimanalmente in video conferenza. Si tratta di una straordinaria esperienza concreta, di lavoro quotidiano in comune, che sta permettendo concretamente di sviluppare un’integrazione effettiva, sul campo, fra personale che si occupa di comunicazione e informazione in Ispra e nelle Agenzie.

@Snpambiente, attivato a marzo 2017, è gestito tramite un apposito Gruppo social, all’interno del GdL, che si è organizzato con turni settimanali. A fine ottobre 2018 sono stati diffusi circa 2.500 tweet, essenzialmente basati su notizie di AmbienteInforma, acquisendo oltre 1.600 follower.