Emissioni in Europa: il 2018 segna un miglioramento, anche per l’inquinante critico ammoniaca

793

L’Agenzia europea per l’ambiente ha pubblicato il rapporto relativo ai progressi compiuti dall’UE e dagli Stati membri nel raggiungimento degli obiettivi della Direttiva sui limiti nazionali di emissione (NEC) (2016/2284/UE) che limita le emissioni di quattro importanti inquinanti atmosferici dal 2010 in poi (ossidi di azoto, composti organici volatili non metanici, anidride solforosa e ammoniaca) e dal 2020 anche di PM2,5.

L’analisi dell’Agenzia europea si basa sui dati più recenti provenienti dall’inventario delle emissioni di inquinanti atmosferici per il periodo 2010-2018 e fornisce inoltre una valutazione delle riduzioni percentuali sui livelli di emissione del 2018 necessari per gli Stati membri e il Regno Unito per raggiungere gli impegni di riduzione per il 2020 e il 2030.

Le notizie per il 2018 sono più positive degli anni precedenti: l’UE nel suo insieme (28 Stati membri, compreso l’allora membro Regno Unito) ha rispettato i limiti di emissione per i quattro inquinanti atmosferici.

Mentre le emissioni totali UE di ammoniaca si sono stabilizzate, cinque Stati membri (Croazia, Danimarca, Germania, Irlanda e Spagna) hanno superato i loro limiti nazionali di emissione per l’ammoniaca e uno (Repubblica Ceca) ha superato anche il limite massimo per i composti organici volatili non metanici.

Le emissioni di ammoniaca determinano un aumento delle deposizioni di acidi e livelli eccessivi di nutrienti nel suolo, nei fiumi o nei laghi, danneggiando gli ecosistemi acquatici, nonché le foreste, le colture e altra vegetazione. I composti organici volatili non metanici vengono emessi nell’atmosfera da un gran numero di fonti, tra cui attività di combustione, uso di solventi e produzione industriale. Questi composti sono importanti precursori dell’ozono troposferico e alcuni di loro presentano rischi per la salute umana.

Dal 2016 tutti gli Stati membri rispettano i limiti nazionali di emissione per ossidi di azoto e anidride solforosa.

Per quanto riguarda gli impegni di riduzione per il 2020 e il 2030, la maggior parte degli Stati membri deve compiere ulteriori sforzi per ridurre i livelli di emissione e rispettare tali impegni, in particolare per l’ammoniaca che continua a rappresentare un problema. Il rallentamento dell’attività economica in Europa nel 2020, associato ai blocchi Covid-19, dovrebbe ridurre le emissioni di numerosi inquinanti e potrebbe far sì che più paesi rispettino i loro impegni per il 2020. Tuttavia, senza ulteriori sforzi, tali andamenti potrebbero essere capovolti quando l’economia inizierà a riprendersi.

Per quanto riguarda gli impegni 2030, tutti gli Stati membri dell’UE dovranno ridurre le proprie emissioni di ossidi di azoto, inoltre, la metà degli Stati membri dovrà ridurre le emissioni di PM2,5 di oltre il 30% per far fronte agli impegni futuri. Inoltre, l’ammoniaca rimarrà una sfida con 25 Stati membri tenuti ad abbassare ulteriormente le proprie emissioni.

Gli sforzi richiesti dagli Stati membri per ridurre i loro livelli di emissione sono stati confermati dalla relazione pubblicata nel mese di giugno dalla Commissione europea in cui è stato valutato il rischio di non conformità per molti Stati membri (sulla base dei loro programmi nazionali di controllo dell’inquinamento atmosferico e delle loro proiezioni).

La tendenza generale ad un progresso costante ma lento da parte degli Stati membri dell’UE nel ridurre le emissioni dei principali inquinanti atmosferici è confermata anche dall’ultimo rapporto annuale dell’Agenzia europea per l’ambiente redatto ai sensi della Convenzione sull’inquinamento atmosferico transfrontaliero a grande distanza (CLRTAP) che monitora complessivamente 26 inquinanti. Tra il 2017 e il 2018, le emissioni di ossidi di azoto, composti organici volatili non metanici, anidride solforosa, PM2,5, monossido di carbonio e ammoniaca sono diminuite, rispettivamente, del 4,1%, 2,0%, 6,7%, 3,8%, 4,3% e 1,6%, per l’UE nel suo insieme. Differenze più ampie sono state segnalate dagli Stati membri, con un aumento delle emissioni di alcuni inquinanti che si verificano in un certo numero di singoli paesi.

Per quanto riguarda le principali fonti di emissione, nel 2018, il settore residenziale e domestico ha emesso il 61% di tutti gli idrocarburi policiclici aromatici, il 51% di tutti i PM2,5 primari e il 41% di tutte le diossine e furani. Come negli anni passati, circa il 93% di tutte le emissioni di ammoniaca proveniva dall’agricoltura. Il trasporto su strada è stato responsabile del 39% di tutte le emissioni di ossidi di azoto, seguito dai settori della produzione e distribuzione di energia (16%) e dei settori commerciale, istituzionale e delle famiglie (14%). La produzione e la distribuzione di energia, comprese le emissioni delle centrali elettriche, sono state anche responsabili del 41% di tutto il mercurio e del 48% di tutte le emissioni di anidride solforosa. Queste cifre riflettono i dati sulle emissioni per il periodo 1990-2018 e non tengono conto degli effetti del blocco COVID-19.

Per approfondimenti leggi i due rapporti dell’Agenzia europea per l’ambiente

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.