AmbienteInforma: i numeri dei primi tre anni

0
116

Una carrellata dei dati statistici relativi al notiziario del Snpa dalla sua nascita alla fine del 2018: 165 newsletter e 2.910 articoli pubblicati.

Il 26 maggio 2016 è uscito il primo numero di AmbienteInforma, un mese prima che il Parlamento varasse definitivamente la legge 132/2016 che istituiva il Sistema nazionale per la protezione dell’ambiente (Snpa).

Nel numero 1 scrivevamo: “L’obiettivo di questo strumento informativo è quello di presentare un “Sistema”, composto da tante agenzie diverse, che lavora quotidianamente e che lavora anche sempre più spesso “insieme”, in una prospettiva di integrazione.”

Per realizzarlo abbiamo costituito una redazione alla quale partecipano redattrici e redattori di Ispra e di tutte le agenzie ambientali e provinciali, che si riunisce 1/2 volte l’anno, ma è costantemente informato e coinvolto nella produzione del notiziario, curato in particolare da un comitato di redazione composto da una decina di persone, che si riuniscono settimanalmente in videoconferenza e che interagiscono quasi quotidianamente.

Questo, naturalmente, ha comportato un lavoro particolarmente significativo da parte della redazione per definire i temi via via da trattare e da proporre ai tecnici del Snpa, anche al di là dell’attualità. Un lavoro che a oggi ha prodotto complessivamente, a fine 2018, oltre 2.900 articoli, su un ventaglio amplissimo di argomenti, aderente alle competenze a 360° in campo ambientale del Snpa, ben visibili anche solo guardando la nuvola delle parole chiave (tag cloud) usate per descrivere queste notizie, presente nella home del sito.

Riteniamo doveroso dare conto del lavoro svolto e mettere a disposizione di tutti i dati disponibili sui risultati raggiunti.

I destinatari

Attualmente AmbienteInforma è inviato a un indirizzario di circa 100.000 destinatari, i diecimila dipendenti dei 22 enti che compongono il Sistema e circa 90.000 stakeholder: amministratori, funzionari, tecnici, esperti, politici, associazioni, comitati, giornalisti, imprese, ordini professionali ecc.
La maggior parte sono stati forniti direttamente dalle singole agenzie,  mentre una parte si è iscritta attraverso l’apposita form, linkata da tutti i siti degli enti che compongono il Snpa.

Naturalmente, più questo indirizzario sarà implementato e più sarà possibile raggiungere tutti i pubblici potenzialmente interessati alle notizie ambientali del Sistema.

I contenuti

Dal maggio 2016, quando è iniziata la realizzazione del notiziario AmbienteInforma, sono stati diffusi 165 numeri e 2.910 articoli.

La periodicità settimanale (e da febbraio 2018 bi-settimanale) permette ad AmbienteInforma di stare sulla notizia, proponendo “In primo piano” le ultime novità che interessano il Sistema, le decisioni dei suoi organi direttivi, le iniziative verso l’esterno, alcuni casi di particolare rilievo e interesse (v. elenco di tutti numeri pubblicati).

Fra i contenuti proposti troviamo:
– attività e rapporti del Snpa e dei suoi gruppi di lavoro
– attività svolte da Ispra e dalle Agenzie ambientali (Arpa e Appa) che possano avere un interesse che travalica la singola realtà, valorizzando i contenuti con carattere “trasversale”
– rapporti di agenzie nazionali, europee e internazionali che operano in campo ambientale, energetico, della salute ecc.
– problematiche normative inerenti il Snpa e le attività svolte da Ispra e dalle singole Agenzie
– iniziative di Ispra e AssoArpa
– temi ambientali di interesse comune.

Ogni componente del Snpa ha contribuito alla produzione di AmbienteInforma, anche se alcune agenzie potrebbero fare di più (v. grafico sopra). D’altra parte ciò riflette una realtà del Sistema molto variegata sul territorio nazionale, e di alcune agenzie decisamente poco propense a comunicare e a diffondere notizie sulle proprie attività. E’ auspicabile che con lo sviluppo del Snpa anche in queste situazioni prenda corpo l’idea che la comunicazione e informazione ambientale costituisce una componente fondamentale dell’attività del Sistema e delle singole agenzie.

Un indicatore dei temi che hanno incontrato maggiore interesse emerge dall’elenco degli articoli più letti nel 2018 (141) e nel 2017 (58); sono stati selezionati tutti quelli visti più di 500 volte (vedi file). Nel grafico, invece, sono riportati gli articoli più letti nel biennio (quelli visti più di 1500 volte).

articoli di AmbienteInforma più letti (2017-2018)

Il sistema di spedizione fornisce accurati dati statistici che permettono di analizzare l’efficacia della newsletter. Nel 2018 il notiziario è stato spedito in media a 73.000 destinatari ed è stato letto in media ogni numero da oltre 15.000 persone (ed un massimo, nel 2018, di oltre 18.000).

Lettori: destinatari che hanno letto almeno una volta il messaggio e sono stati identificati perché hanno scaricato le immagini o hanno cliccato su un link. Sono quindi lettori unici.

Un dato rilevante è costituito dai cosiddetti “lettori attivi”, cioé coloro che hanno aperto almeno una delle mail ricevute negli ultimi tre mesi (a fine 2018), complessivamente si tratta di circa 41.500 persone.

I visitatori del sito di AmbienteInforma

Per la diffusione del notiziario è stato realizzato un sito apposito (ora integrato nel sito del Sistema nel quale sono inserite tutte le notizie pubblicate. Nel seguente grafico l’andamento mensile del numero di utenti e del numero di visualizzazioni di pagine, dall’apertura del sito a fine 2018, che mostra una tendenza importante alla crescita. (i dati 2016 e gennaio 2017 sono rilevati con Jetpack, quelli successivi con Google Analytics)

Dal 25 gennaio 2017 sul sito AmbienteInforma è stato anche installato il programma di analisi statistica Google Analytics, da cui risultano i dati indicati nei seguenti grafici, dai quali risultano numeri interessanti, che vanno al di là della semplice ricezione della newsletter, per incontrare una percentuale non trascurabile di lettori direttamente attraverso i motori di ricerca e dai social.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.