Arpa Piemonte su Pfas e acque destinate al consumo umano

Alla luce del report di Greenpeace pubblicato martedì 6 febbraio 2024, Arpa Piemonte puntualizza quanto segue.  

Il sistema di controllo delle acque destinate al consumo umano è strutturato su due piani e prevede controlli interni e controlli esterni:  

• i Controlli Interni sono effettuati dal gestore che fornisce il servizio idrico, o da chiunque fornisca acqua a terzi attraverso impianti idrici autonomi o cisterne. Questi sono tenuti ad effettuare tutte le verifiche necessarie a garantire il rispetto della conformità dell’acqua rispetto ai requisiti previsti, eventualmente concordando con l’azienda unità sanitaria locale il programma di controllo per quanto riguarda punti di prelievo e frequenza, ed eseguendo analisi presso laboratori propri o in convenzione; 

• i Controlli Esterni sono effettuati dall’Azienda Sanitaria Locale – ASL territorialmente competente e hanno la funzione di verifica di secondo livello rispetto ai controlli effettuati dai gestori. L’ASL è responsabile della verifica sulle acque destinate al consumo umano ai requisiti di legge, attraverso programmi di controllo regionali che prevedono l’ispezione degli impianti e il prelievo di campioni. In Piemonte, le analisi dei campioni prelevati dalla ASL vengono affidate ad Arpa Piemonte, Ente tecnico a supporto delle Autorità Regionali; i laboratori dell’Agenzia adottano metodi accreditati e conformi ai requisiti prestazionali previsti. 

Compete inoltre ad Arpa Piemonte il monitoraggio ambientale dei corpi idrici superficiali e sotterranei e la condivisione degli esiti delle analisi come elemento di riferimento nella valutazione del rischio, sia ambientale che sanitario, correlato ad eventuali contaminazioni.  

Negli anni, seguendo le Linee Guida Water Safety Plans dell’Istituto Superiore di Sanità, sono stati incrementati i controlli su contaminanti specifici e inquinanti emergenti per monitorare criticità storiche e/o rischi puntuali come ad esempio per cromo esavalente, metalli pesanti e Pfas.  

Periodicamente, Arpa condivide con le ASL proposte di revisione dei protocolli analitici applicati sui campioni di acque potabili, strategiche ai fini dell’ottimizzazione delle risorse impegnate ma soprattutto per aumentare l’efficacia dei controlli segnalando eventuali rischi specifici. Tali documenti, inseriti nel PRISA – Piano Regionale Integrato dei Controlli di Sicurezza Alimentare-, rappresentano uno strumento di lavoro nell’ambito della pianificazione dei controlli esterni delle Autorità Sanitarie per individuare e suggerire le aree prioritarie di intervento a livello regionale. Inoltre, le indicazioni vengono revisionate e aggiornate in base all’evoluzione delle conoscenze dei fenomeni di inquinamento, tanto che nell’allegato “ACQUE POTABILI – Protocolli analitici Arpa” del 2019 era riportato “Si segnala che nell’anno 2019 è previsto un protocollo analitico completo dei PFAS sull’intera rete delle acque di monitoraggio sotterranee, pertanto, in caso di riscontri critici, sarà possibile riaggiornare le zone con evidenze di contaminazione ambientale rilevante per PFAS” e nella revisione 2021 l’elenco dei comuni potenzialmente interessati dalla contaminazione era stato integrato anche per comuni al di fuori della provincia di Alessandria.  

Pertanto i gestori  del servizio idrico non sono destinatari diretti degli allegati dei protocolli analitici di Arpa, che sono strumenti di lavoro rivolti a pianificare i controlli di secondo livello delle ASL e non rappresentano indirizzi operativi dei controlli interni dei gestori che si devono invece basare sui propri piani di sicurezza dell’acqua. 

Per agevolare ulteriormente l’accesso ai dati ambientali relativi ai riscontri dei PFAS, Arpa ha inoltre integrato il geoportale con un settore dedicato che prevede aggiornamenti settimanali dei dati, consultabili anche su base georeferenziata. Si confida che la disponibilità sempre più diretta e immediata delle informazioni ambientali sia utile al miglioramento dell’efficacia dei controlli.