Microalghe in Liguria: le maree colorate finiscono su rivista internazionale

498

Con la bella stagione cambiano alcune attività di Arpal: proprio durante il periodo estivo infatti l’Agenzia svolge anche il monitoraggio delle microalghe potenzialmente tossiche.

Si tratta di organismi marini piccolissimi, invisibili da soli a occhio nudo, che in particolari e rare condizioni possono rilasciare tossine e perciò devono essere controllate.

La più “famosa” è, almeno in Italia, l’Ostreopsis ovata, salita agli onori delle cronache in Liguria una calda domenica di luglio 2005: qui è possibile consultare i risultati del monitoraggio che si svolge ogni anno da giugno a settembre.

I campioni vengono prelevati in sedici punti lungo la costa ligure e letti nel laboratorio Arpal di Levante, riferimento regionale per la determinazione quali-quantitativa dei ceppi algali potenzialmente tossici. 

Proprio in questi giorni si è notata la fioritura di un’ altra “alghetta” estremamente appariscente.

Si tratta dell’Alexandrium taylorii, una vecchia conoscenza dei tecnici Arpal, che sta approfittando delle attuali condizioni meteo marine stabili per creare una “marea colorata” in alcune aree del levante ligure.

Già martedì 7 luglio questo piccolo dinoflagellato marino è stato riscontrato in quantità significative a Sestri Levante; quando prolifera fino a concentrazioni elevate colora l’acqua di un giallo-verde intenso.

Non si tratta, come detto, di una novità: la presenza di Alexandrium taylorii – anche associato ad altre specie – era già stata segnalata nel 2010, e negli anni successivi si sono verificate intense proliferazioni (o fioriture) proprio nella Baia del Silenzio, incuriosendo molti bagnanti.

Le fioriture (dette anche bloom) di alcune specie fitoplanctoniche possono a volte determinare lievi disagi in soggetti particolarmente sensibili o comunque alterare l’aspetto visivo dell’acqua, generalmente si dissolvono in poche ore.

Da diversi anni Arpal partecipa a progetti di ricerca; in particolare, dal 2018 è consulente del progetto @lgawarning, coordinato da ETT SpA e DIMES-Università di Genova, dedicato specificatamente all’innovazione delle tecniche di monitoraggio della qualità delle acque e della valutazione del rischio ambientale marino.

Una attività di rilievo scientifico, che nei giorni scorsi è addirittura approdata sulla rivista Harmful Algal News: il numero uscito a giugno vede infatti un primo approfondimento dedicato proprio alle fioriture algali del levante ligure, a firma – fra gli altri – delle “nostre” Valentina Giussani, Fabrizia Colonna e Rosella Bertolotto. 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.