In breve l’aria in Veneto nel 2022

649
rilevatore PM10

Il report “La qualità dell’aria in breve 2022” restituisce una prima fotografia della qualità dell’aria in Veneto nel 2022, ottenuta elaborando i dati degli strumenti automatici della rete Arpav. Il documento sarà integrato come di consueto dalla relazione regionale della qualità dell’aria.

Dai dati emerge che è stato rispettato per il terzo anno consecutivo, in tutte le stazioni di misura Arpav, il valore limite annuale del biossido di azoto, con concentrazioni medie tendenzialmente comparabili a quelle dell’ultimo biennio.

Anche i limiti annuali del particolato, sia PM10 che PM2.5, fissati rispettivamente a 40 e 25 microgrammi per metrocubo (µg/m3) risultano rispettati in tutte le stazioni.

Rimane ancora diffuso, in linea con quanto avviene in tutta la pianura padana, il superamento del valore limite giornaliero per il PM10, fissato a 50 µg/m3 da non sforare per più di 35 giorni l’anno. Nel 2022 tale limite è stato rispettato in 8 centraline su 38, in gran parte ubicate nella zona montana e pedemontana. Il numero medio di superamenti registrati è tendenzialmente di poco superiore a quelli del 2021, ma inferiore a quelli del 2020.

Infine per quanto concerne l’ozono, l’andamento ha risentito del caldo eccezionale dei mesi estivi. Per questo motivo il numero di superamenti della soglia di informazione è stato superiore a quello dei due anni precedenti, con un massimo durante il mese di luglio.

Il report

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.