Discarica Albano: Arpa Lazio incontra i cittadini

Direttore tecnico, direttore di dipartimento e direttore di sede forniscono chiarimenti sulle attività dell'Agenzia

635

Oggi, giovedì 26 agosto, il direttore tecnico dell’ARPA Lazio, Rossana Cintoli, il direttore del Dipartimento pressioni sull’ambiente, Sergio Ceradini e il direttore del Servizio sezione provinciale di Roma, Tommaso Aureli, hanno incontrato una delegazione di cittadini e comitati dell’area di Albano per parlare dei controlli effettuati dall’Agenzia nel corso dell’ultimo mese presso la discarica di Roncigliano.

L’incontro è stato caratterizzato da un confronto sereno e proficuo tra le due parti: i dirigenti ARPA hanno ascoltato le preoccupazioni espresse dai presenti – riguardanti in particolare il numero dei controlli, le loro modalità e i tempi delle analisi – e hanno fornito chiarimenti in merito alle attività già svolte e a quelle che l’Agenzia effettuerà nelle prossime settimane.

Parlando delle attività svolte, è stato sottolineato come il personale dell’Agenzia abbia fatto un primo sopralluogo con acquisizione di documenti il 2 agosto, ovvero il giorno stesso in cui la discarica ha iniziato a ricevere i rifiuti provenienti dagli impianti previsti nell’ordinanza della Città Metropolitana di Roma Capitale.

Successivamente a questa data, l’ARPA Lazio ha effettuato due campionamenti dei rifiuti in ingresso (il 3 e il 16 agosto, un terzo campione era previsto per il 10 agosto, ma non è stato possibile prenderlo in quanto il conferimento era stato sospeso dalla ASL) su cui effettuare misurazione dell’indice respirometrico e analisi chimiche per la verifica di ammissibilità del materiale in discariche di rifiuti non pericolosi; inoltre, il 19 agosto sono stati effettuati anche campionamenti di acque sotterranee da 4 piezometri.

Va poi aggiunto che, in base alle informazioni raccolte, nelle prime settimane di ripresa delle attività della discarica, è stato conferito un quantitativo giornaliero di rifiuti sempre inferiore alle 300 tonnellate, e quindi molto inferiore alle 1100 previste dall’ordinanza.

Cintoli, Ceradini e Aureli hanno quindi spiegato che i campioni sono stati inviati ai laboratori dell’Agenzia dove vengono accuratamente analizzati, alla ricerca di sostanze quali metalli o diossine, con metodologie ufficiali accreditate che richiedono tempi tecnici anche piuttosto lunghi, ma hanno anche assicurato che si sta procedendo il più rapidamente possibile e che gli esiti verranno trasmessi alle autorità competenti appena disponibili.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.