Il 2019 è stato l’anno più caldo, dopo il 2016, dal 1850

5307

Il 2019 è stato il secondo anno più caldo mai registrato dopo il 2016, secondo l’analisi consolidata dell’Organizzazione mondiale della meteorologia (WMO) dei principali set di dati internazionali.

Le temperature medie per i periodi quinquennali (2015-2019) e decennali (2010-2019) sono state le più alte mai registrate. Dagli anni ’80 ogni decennio è stato più caldo di quello precedente. Il WMO prevede che questa tendenza continuerà, a causa dei livelli record di gas serra che intrappolano il calore nell’atmosfera.

Mediata nei cinque set di dati utilizzati nell’analisi consolidata, la temperatura globale annuale nel 2019 è stata più calda di 1,1° C rispetto alla media del 1850-1900, utilizzata per rappresentare le condizioni preindustriali. Il 2016 rimane l’anno più caldo mai registrato a causa della combinazione di un evento molto forte di El Niño, che ha un impatto sul riscaldamento e dei cambiamenti climatici a lungo termine.

“La temperatura globale media è aumentata di circa 1,1 ° C dall’era preindustriale e il contenuto di calore degli oceani è a livelli record”, ha dichiarato il segretario generale del WMO Petteri Taalas. “Sul percorso attuale delle emissioni di anidride carbonica, stiamo andando verso un aumento della temperatura da 3 a 5 gradi Celsius entro la fine del secolo”.

Le temperature costituiscono solo un aspetto. L’anno e il decennio passati sono stati caratterizzati dalla ritirata del ghiaccio, da record dei livelli del mare, dall’aumento del calore e dell’acidificazione degli oceani e condizioni meteorologiche estreme. Questi si sono combinati per avere importanti impatti sulla salute e sul benessere sia dell’uomo che dell’ambiente, come evidenziato dalla Dichiarazione provvisoria del WMO sullo stato del clima globale nel 2019, presentata alla Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, COP25, in Madrid. La dichiarazione completa sarà rilasciata nel marzo 2020.

“Il 2020 è iniziato da dove il 2019 si è interrotto, con eventi meteorologici e climatici di grande impatto. L’Australia ha registrato il suo anno più caldo e secco in assoluto nel 2019, ponendo le basi per gli enormi incendi boschivi che sono stati così devastanti per le persone e le proprietà, la fauna selvatica, gli ecosistemi e l’ambiente”, ha affermato, inoltre, Taalas.

“Sfortunatamente, prevediamo un climaestremo per tutto il 2020 e per i prossimi decenni, alimentato da livelli record di gas serra che intrappolano il calore nell’atmosfera”, ha affermato infine Taalas.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.