Presentato il Rendiconto Nivometrico 2022-2023 in Piemonte e Valle d’Aosta: le evoluzioni previsionali e i dati raccolti in 40 anni di AINEVA

Si è svolta oggi, 17 novembre 2023, la presentazione del “Rendiconto nivometrico 2022-2023 in Piemonte e Valle d’Aosta: le evoluzioni previsionali e i dati raccolti in 40 anni di AINEVA”.

Ha aperto i lavori il direttore generale di Arpa Piemonte Secondo Barbero: “Il rendiconto nivometrico è un appuntamento annuale  importante per far conoscere l’evoluzione della montagna dal punto di vista dell’innevamento, della stabilità del manto nevoso, delle temperature montane e degli incidenti che purtroppo sono ancora numerosi nelle Alpi piemontesi. La variabilità dei fenomeni meteorologici è superiore rispetto al passato e le valutazioni sono più complesse. Lo studio di tutte le componenti che influenzano l’inverno montano è sempre più importante per conoscere i pericoli e migliorare la le capacità di valutare i rischi”.

I dati

Il rendiconto analizza i dati nivometrici confrontandoli con le serie storiche di riferimento, descrive l’andamento meteorologico della stagione invernale, presenta le variazioni del pericolo valanghe in relazione agli eventi nevosi più significativi, descrive i principali eventi valanghivi spontanei osservati e gli incidenti da valanga verificatisi.

Per il Piemonte il 2022-203 si tratta di un altro inverno vicino ai primati negativi della stagione precedente.

Per la sommatoria di neve fresca da novembre a maggio è stata registrata una carenza significativa, arrivando al 3° posto tra le più “gravi” degli ultimi 60 anni, con valori di deficit rispetto alla media del -40-50% in tutti i settori alpini regionali, a tutte le quote, con punte superiori al -60% di neve fresca in meno sulla stagione.

Per quanto riguarda le precipitazioni, sull’intera regione, l’inverno è stato poco piovoso rispetto alla media, con una precipitazione media di 111.7 mm, ed un deficit di 34.9 mm (pari al 24%) rispetto al periodo 1991-2020, ma con una primavera che è stata più piovosa rispetto alla media, con una precipitazione media di 329.3 mm e un surplus di 34.6 mm (pari al 12%).

Il mese di maggio ha regalato abbondanti precipitazioni interrompendo e colmando in buona parte il deficit idrico portato dal lungo periodo di siccità che perdurava da più di un anno. Anche per quanto riguarda le temperature l’inverno 2022-2023 è stato sul Piemonte il 9° più caldo degli ultimi 65 anni, con una anomalia positiva di temperatura media di +1.1°C.

Le precipitazioni nevose contenute hanno influenzato il grado di pericolo valanghe su tutti i settori dell’arco alpino piemontese che ha visto principalmente i gradi 1-Debole e 2-Moderato sia alle quote più elevate che a quelle inferiori. Pochi gli episodi in cui è stato raggiunto il grado 4-Forte e solo alle quote più elevate in particolare dei settori occidentali e meridionali nei mesi di gennaio e a cavallo tra febbraio e marzo.

La stagione invernale 2022-23 è stata caratterizzata da un numero rilevante di incidenti in valanga: in Piemonte e Valle d’Aosta sono stati complessivamente registrati 24 incidenti con 9 vittime.

Solo in Piemonte gli incidenti in valanga sono stati 9, 3 in più rispetto alla media degli ultimi 40 anni. Il totale delle persone travolte ammonta a 32 di cui 24 sono rimaste illese, 7 ferite e 1 deceduta; il problema valanghivo più ricorrente è stato ancora una volta quello della neve ventata.

Quattro incidenti sono avvenuti quando il grado di pericolo era 2-Moderato e 5 incidenti sono avvenuti in corrispondenza del 3-Marcato. Gli incidenti sono avvenuti per la maggior parte a quote medie (ovvero comprese tra 2000 m e 2500 m) e a quote medio-elevate (tra 2500 m e 3000 m). Non sono stati registrati incidenti sotto i 2000 m mentre 1 solo caso su 9 è avvenuto sopra i 3000 m di quota. Fatta eccezione per un incidente (avvenuto in fuoripista), la quasi totalità ha interessato scialpinisti: di questi 6 casi su 8 in salita (un caso a piedi e con gli si sullo zaino) e 2 casi su 8 in discesa.

Per maggiori approfondimenti