Sicurezza delle infrastrutture, Arpa Sicilia e Ansfisa insieme per testare i rischi ambientali

La Sicilia come regione pilota per nuove sinergie volte al rafforzamento del controllo in situazioni di crisi di strade, ponti, gallerie e ferrovie

349

Monitorare strade, ponti, gallerie e ferrovie in relazione ai rischi dovuti a eventi critici come frane, sversamenti di liquidi, vibrazioni e inquinamento dell’aria. È questo lo scopo della collaborazione avviata il 18 maggio tra l’Agenzia nazionale per la sicurezza delle ferrovie e delle infrastrutture stradali e autostradali (Ansfisa) e Arpa Sicilia.

Il protocollo d’intesa, firmato a Palermo presso il Complesso Monumentale Roosevelt sede della direzione Generale di Arpa, dal direttore di Ansfisa, Domenico De Bartolomeo e dal Direttore generale di Arpa Sicilia, Vincenzo Infantino, mira a integrare le competenze con l’obiettivo di favorire un controllo complessivo dei fenomeni che possono minare la sicurezza e la stabilità di un’infrastruttura, facendo della Sicilia una regione pilota per questo genere di monitoraggio, integrato da studi e ricerche ad hoc.

“La scelta della Sicilia come regione test non è casuale – ha dichiarato De Bartolomeo – Abbiamo già altre collaborazioni sull’isola che ci permettono di creare un grande laboratorio, anche grazie alle peculiarità del territorio, per testare nuove metodologie e analizzare procedure volte al rafforzamento della gestione e del monitoraggio della sicurezza delle infrastrutture”.

“Per noi è motivo di orgoglio sapere che la Sicilia è la regione pilota per un Progetto così importante – ha dichiarato Infantino – Arpa Sicilia come sempre è lieta di mettere a disposizione le proprie professionalità e attrezzature per la cooperazione Istituzionale“.

La collaborazione si svilupperà attraverso sinergie volte allo sviluppo di progetti di monitoraggio e attività di studio e ricerca. Tra questi, il controllo del territorio in relazione ai rischi correlati con l’esercizio delle infrastrutture di trasporto, verifiche della qualità dell’aria ad esempio nelle gallerie stradali, del suolo e delle acque rispetto ai rischi derivanti dal traffico, come per esempio lo sversamento di liquidi inquinanti. Controlli sul rumore e sulle conseguenze delle vibrazioni. Le attività di studio saranno orientate allo sviluppo di analisi sulla stabilità dei pendii, dei fronti di scavo, delle aree soggette a rischio idrogeologico e alle conseguenze della propagazione di incendi all’interno delle gallerie.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.