Carlo Emanuele Pepe nuovo Vicepresidente del Snpa

442

Il Direttore generale di Arpa Liguria e già in precedenza di Arpa Veneto è stato nominato Vicepresidente del Sistema nazionale per la protezione dell’ambiente, stamani all’unanimità dal Consiglio nazionale del Snpa riunito a Roma.

Pepe sostituisce Luca Marchesi, che aveva ricoperto la carica nei primi due anni di vita del Sistema, decaduto l’1 gennaio 2019 in quanto giunto a naturale scadenza del suo mandato di direttore generale di Arpa Friuli Venezia-Giulia il 31 dicembre 2018.

Sono molto soddisfatto di essere stato nominato in una seduta di Consiglio nazionale davvero importante – conferma Carlo Emanuele Pepe – dove abbiamo portato all’approvazione gli elementi di definizione dei Lepta, i livelli essenziali di prestazione tecnica ambientale. Si tratta di uno degli elementi fondanti del Sistema nazionale di protezione ambientale, che prosegue giorno dopo giorno nel percorso di consolidamento e omogeneizzazione.

Il nostro obiettivo principale è aumentare la tutela dell’ambiente.

Con i Lepta è stato portato avanti un lavoro bellissimo che deve diventare patrimonio comune di tutti i colleghi, e non solo dei direttori. Per questo motivo abbiamo pensato che i componenti del tavolo dedicato potrebbero illustrarlo attraverso una serie di appuntamenti in videoconferenza con le Agenzie collegate, per raggiungere direttamente chi opera dentro Snpa a vario livello.

Il continuo e costante rapporto fra i vertici delle diverse componenti del sistema deve riflettersi dentro le singole organizzazioni, parti di un tutto più grande: le buone pratiche non devono rimanere isolate, ma bisogna condividere tutta la nuova architettura dell’attività tecnica, per arrivare ad essere più virtuosi ed efficaci. Nel solco della legge 132, che indica la via maestra a tutti noi.

Concetti cari al nuovo Vicepresidente, riportati anche in queste primissime indicazioni rilasciate poco dopo la nomina:

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.