RAPPORTO SNPA 2018 – Qualità delle acque superficiali interne, sotterranee e marino-costiere

2393

La rappresentazione dello stato, definita attraverso indicatori specifici, delle acque interne superficiali e sotterranee dal 2010 al 2015 mostra come l’obiettivo del “buono” stato non risulti totalmente raggiunto. La qualità dell’ambiente marino costiero viene valutata in base a un approccio ecosistemico, considerando le variabili abiotiche (qualità chimica) e biotiche, espresse dallo stato di qualità della flora e della fauna acquatiche, in modo integrato.

In Italia negli anni 2010-2015 sono stati identificati 7.841 corpi idrici superficiali (7.494 fiumi e 347 laghi) e 1.052 idrici sotterranei, distribuiti in otto distretti idrografici.

In riferimento allo stato chimico, lo stato “buono” è stato raggiunto dalla gran parte dei fiumi (75%) e da circa la metà dei laghi (48%).
Per lo stato ecologico, l’obiettivo di qualità è stato raggiunto in poco meno della metà dei fiumi (43%) e nel 20% dei laghi.
Il 58% e il 61% delle acque sotterranee hanno raggiunto uno stato “buono”,
in riferimento rispettivamente allo stato chimico e allo stato quantitativo.

Stato chimico ed ecologico delle acque superficiali interne e di quelle sotterranee
Stato chimico ed ecologico delle acque superficiali interne e di quelle sotterranee

I corpi idrici, identificati ma non ancora classificati, sono numerosi. I determinanti più importanti per la qualità dei corpi idrici sono l’industria (solo per le acque sotterranee), l’agricoltura e lo sviluppo urbano.

La maggior parte delle misure riportate nei Piani di gestione 2015, oltre a prevedere la mitigazione degli impatti idromorfologici, riguarda l’impiego efficiente e sostenibile della risorsa, le misure per prevenire o controllare l’immissione di inquinanti da pressioni di tipo diffuso e, soprattutto, la realizzazione di fognature e depuratori efficienti e adeguati, in allineamento
alla normativa. In particolare, nel 2014 il grado di conformità nazionale dei sistemi di fognatura e dei sistemi di depurazione era rispettivamente del 98,9% e
dell’81,1%.

stato chimico ed ecologico delle acque marino-costiere
stato chimico ed ecologico delle acque marino-costiere

Per quanto riguarda le acque marino-costiere, nel periodo 2010-2016 lo stato ecologico dei corpi idrici varia tra il “buono” e il “sufficiente”, mentre numerose sono le situazioni di criticità rispetto allo stato chimico.

Molti corpi idrici sono tuttora non classificati. Nel quadro del degrado diffuso e progressivo dell’intera fascia costiera europea descritto dall’EEA, il Mediterraneo rappresenta una delle maggiori criticità.

Tra i principali determinanti e pressioni che provocano il degrado, per l’Italia l’EEA mette in evidenza il dato della densità di popolazione lungo le coste che è più del doppio della media nazionale.

1 commento

  1. Salve a tutti, non essendo molto esperta non posso che indicare le iniziative e gli studi, nonché le nuove normative, riguardo il tema del pericolo idraulico ed opportunità dell’acqua, dei Piani delle acque e dei Contratti di fiume.
    Inoltre, una mia riflessione riguardo l’agricoltura, credo che l’unica soluzione sia la pratica dell’agricoltura biologica.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.