Balneazione, serve un approccio preventivo

L’approccio preventivo dei Piani di sicurezza delle acque, elaborati dall'OMS per le acque potabili, può essere esteso anche alla gestione delle acque di balneazione. L'Emilia-Romagna nel 2020 estende a tutta la costa regionale il Protocollo di allertamento sperimentato nel riminese. Il servizio in Ecoscienza 1/2020.

850

L’approccio dei Piani di sicurezza delle acque, elaborati a livello internazionale per le acque potabili dall’Organizzazione mondiale della sanità, può essere esteso anche alla gestione delle acque di balneazione.

La valutazione del rischio a tutela della salute dei bagnanti verrebbe in questo modo effettuata con una visione globale, che tenga in considerazione l’intero ciclo delle acque, le potenziali sorgenti di inquinamento, le caratteristiche del sistema complessivo, con l’integrazione di diverse discipline e il coinvolgimento di tutti i decisori e degli operatori.

Una migliore conoscenza del territorio e sistemi modellistici possono permettere l’applicazione di un approccio preventivo, a migliore tutela della sicurezza igienico-sanitaria.
Il Sistema nazionale di protezione dell’ambiente (Snpa), in questa direzione, sta elaborando delle Linee di indirizzo, che potranno essere la base per fornire un modello di gestione condiviso per tutte le regioni costiere italiane.

L’approccio preventivo alla gestione delle acque di balneazione, in particolare per quelli che vengono definiti episodi di inquinamento di breve durata”, è una delle priorità anche per l’Emilia-Romagna, dal momento che l’impostazione dell’attuale sistema di monitoraggio e controllo rischia spesso di disattendere l’obiettivo di tutela della salute.

Sulla base dell’esperienza maturata negli anni precedenti nell’area riminese, nel 2020 sarà esteso in tutta la costa dell’Emilia-Romagna un Protocollo di allertamento sperimentale basato su strumenti di valutazione preventiva per l’adozione di divieti di balneazione in caso di eventi meteorologici intensi. Inoltre, è allo studio l’utilizzo di indicatori indiretti e di ulteriori parametri fisici per valutare i rischi relativi alla balneabilità in tempo reale.

Gli articoli pubblicati
Un approccio preventivo per le acque di balneazione
Luca Lucentini1, Lucia Bonadonna1, Marcello Iaconelli1, Giuseppe Bortone2
1. Istituto superiore di sanità, 2. Direttore generale Arpae Emilia-Romagna

Lucentini_et_al-Ecos2020_01-1

Snpa al lavoro per nuove linee guida
Roberta De Angelis, Antonello Bruschi, Iolanda Lisi
Ispra, Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale

De_Angelis_et_al_Ecos2020_01

Balneazione e tutela della salute in Emilia-Romagna
Adriana Giannini, Giovanna Mattei
Regione Emilia-Romagna

Giannini_Mattei_Ecos2020_01

Un nuovo protocollo preventivo in Emilia-Romagna
Francesco Tornatore
Regione Emilia-Romagna

Tornatore_Ecos2020_01

Verso un sistema di gestione più efficace e tempestivo
Luigi Vicari
Arpae Emilia-Romagna

Vicari_Ecos2020_01

Vai a Ecoscienza 1/2020, presentazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.