Acquisti verdi, nuovi CAM per stampa e apparecchiature da ufficio

Pubblicato in Gazzetta ufficiale l’aggiornamento dei criteri ambientali minimi (Cam) di forniture e servizi per cartucce, stampanti e apparecchiature multifunzione; entreranno in vigore il 6 marzo 2020.

943

Pubblicato di recente un aggiornamento dei criteri ambientali minimi da inserire nei bandi di forniture/servizi per cartucce, stampanti e apparecchi multifunzione per ufficio e per il servizio di stampa gestita. Dal 7 novembre sono infatti in Gazzetta i nuovi CAM (criteri ambientali minimi) approvati dal ministero per l’Ambiente lo scorso 17 ottobre. Nello specifico, in attuazione del Codice dei contratti pubblici (Dlgs 50/2016, art. 34), riguardano:

  1. CAM per le forniture e i servizi di cartucce (di toner e a getto di inchiostro) e per il servizio integrato di ritiro i cartucce esauste nonché quello di preparazione per il riutilizzo e fornitura di cartucce rigenerate
  2. CAM per le forniture e i servizi di stampa gestita, di noleggio di stampanti e apparecchiature multifunzione per ufficio e di acquisto o leasing di stampanti e apparecchiature multifunzione per ufficio.

Per facilitarne l’applicazione, sia dal lato domanda, sia dal lato offerta, i provvedimenti entrano in vigore 120 giorni dopo la pubblicazione (6 marzo 2020) e da tale data sostituiscono i Cam previgenti (allegato 2 Dm 13 febbraio 2014 “Forniture di cartucce” e allegato 2 del Dm Ambiente 13 dicembre 2013 “Personal computer portatili e da tavolo, stampanti, fotocopiatrici, apparecchiature multifunzione per ufficio“).

Il primo decreto stabilisce nelle specifiche tecniche una quota minima del 30% di cartucce toner e a getto di inchiostro rigenerate, che definisce in maniera puntuale (all’art. 2) come le “cartucce derivanti da un processo di preparazione per il riutilizzo, vale a dire dalla sostituzione delle parti usurate o mal funzionanti di cartucce esaurite e dal successivo riempimento con polvere di toner o inchiostro, in conformità a quanto indicato nelle norme tecniche DIN 33870-1; DIN 33870-2; DIN 33871-1; DIN 33871-2”. Tali cartucce devono essere in possesso di etichetta ambientale di tipo I (conforme alla norma UNI EN ISO 14024) e devono avere resa e qualità di stampa equivalente a quella delle cartucce originali. Sono poi previsti limiti ed esclusioni per diverse sostanze pericolose nelle polveri di toner e inchiostri, limiti che si applicano anche per cartucce originali.

Tra i criteri premianti si segnala l’assegnazione di punti tecnici proporzionali in funzione della percentuale superiore al 30% di cartucce rigenerate fornite in possesso di marchi conformi allo standard a UNI EN ISO 14024 come Der Blaue Engel, Nordic ecolabel, Umweltezeichen o equivalenti. Un altro criterio premiante è l’attuazione di sistemi di gestione ambientale e/o di sistemi per la gestione etica delle catene di fornitura. Il criterio fa riferimento per le cartucce non rigenerate alla Registrazione EMAS, alla certificazione UNI EN ISO 14001 e alla certificazione SA 8000 per gli aspetti sociali. Tale criterio si applica sia alle forniture, sia al servizio di ritiro e rigenerazione. Inoltre, per il servizio le clausole contrattuali prevedono che l’attività venga gestita conformemente ai CAM in merito all’esclusione di sostanze pericolose e per la resa e la qualità di stampa.

Per quanto riguarda il secondo decreto, la principale novità è la regolamentazione del servizio di stampa gestita. Il servizio è “finalizzato all’ottimizzazione dei processi di stampa mediante la riduzione e razionalizzazione del numero di stampe e copie ed idoneo dimensionamento delle stampanti ed apparecchiature multifunzione”, infatti viene favorito il monitoraggio dei consumi e il corretto utilizzo delle attrezzature d’ufficio.

Relativamente ai Cam delle apparecchiature da acquistare o noleggiare, si è tenuto conto del progresso tecnologico nella definizione di più stringenti requisiti di efficienza energetica e nell’introduzione di criteri ambientali, quali i limiti di emissioni di inquinanti in ambiente confinato, per migliorare la salubrità nei luoghi di lavoro. Inoltre vengono valorizzate altre funzionalità che consentono di evitare stampe superflue.

Tra i criteri premianti, si evidenzia quello relativo alla promozione di una gestione virtuosa e trasparente dei rifiuti elettrici ed elettronici prodotti dalla stazione appaltante, che “mira a utilizzare e diffondere tecniche e tecnologie innovative presenti nel territorio, grazie alle quali è possibile recuperare, in sicurezza, anche preziose materie prime, in ottica di sostenere modelli di economia circolare.”

I nuovi CAM promuovono la diffusione di modelli di economia circolare, sia favorendo l’utilizzo di materiali rigenerati e di apparecchiature usate o la riduzione di utilizzo di materiali, sia prevedendo, in luogo della fornitura, l’affidamento di un servizio che, nel caso delle cartucce, consente di ottimizzare la filiera del recupero e dei riutilizzo favorendo la creazione di economie circolari a livello locale, con “vantaggi economico-occupazionali territoriali e con ulteriori benefici ambientali derivanti dalla razionalizzazione della logistica delle merci”.

A cura di Emanuela Venturini, Arpae Emilia-Romagna

Leggi sul sito ArpaeTemi ambientali, Acquisti verdi

Altre risorse in snpambiente.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.