La qualità dell’aria in Europa

2516

I rapporti sulla qualità dell’aria in Europa dell’Agenzia europea dell’ambiente (EEA) presentano valutazioni annuali delle emissioni e delle concentrazioni di inquinanti atmosferici in Europa, nonché dei relativi impatti sulla salute e sull’ambiente. Le valutazioni annuali si basano sui dati ufficiali disponibili nei diversi paesi.

Il rapporto “Air quality in Europe 2020” recentemente pubblicato presenta una panoramica e un’analisi della qualità dell’aria in Europa, tra cui:

  • informazioni aggiornate per il 2018 sulle emissioni e concentrazioni di inquinanti atmosferici;
  • Una rassegna delle tendenze nelle concentrazioni nell’aria ambiente dei principali inquinanti 2009-2018;
  • I risultati e le stime più recenti dell’esposizione della popolazione e dell’ecosistema agli inquinanti atmosferici con i maggiori impatti.

Quest’anno, per la prima volta, vengono utilizzati dati “aggiornati” non convalidati per inquinanti selezionati per fornire:

  • Una valutazione preliminare delle concentrazioni nell’aria ambiente dei principali inquinanti nel 2019;
  • un’analisi dell’effetto sulle concentrazioni di inquinanti atmosferici delle misure di blockdown nel 2020 per fermare la diffusione della malattia da COVID-19.

Inquinamento atmosferico e COVID-19

La pandemia COVID-19 continua ad avere gravi implicazioni per la salute umana, oltre a importanti impatti economici e sociali. Le misure adottate dai governi di tutta Europa all’inizio del 2020 per gestire l’epidemia hanno avuto un impatto su molte delle attività economiche  che determinano le emissioni di inquinanti atmosferici, influenzando così la qualità dell’aria.

Esistono anche prime prove che suggeriscono che l’esposizione all’inquinamento atmosferico può influenzare la vulnerabilità e la suscettibilità umana alla malattia.

L’utilizzo di dati preliminari aggiornati consente un’analisi degli effetti delle misure adottate per evitare la diffusione del COVID-19 sulle concentrazioni di alcuni inquinanti durante la primavera del 2020. Il rapporto descrive anche le prime ricerche che indagano su un possibile ruolo dell’inquinamento atmosferico nell’influenzare la trasmissione del nuovo coronavirus.

Le misure di lockdown introdotte dalla maggior parte dei paesi europei per ridurre la trasmissione di COVID-19 nella primavera del 2020 hanno portato a riduzioni significative delle emissioni di inquinanti atmosferici, in particolare dal trasporto stradale, aereo e marittimo internazionale.

Il rapporto EEA valuta gli impatti successivi sulla qualità dell’aria sulla base dei dati di monitoraggio aggiornati riportati dai paesi membri dell’EEA e dei paesi associati all’agenzia europea e sulla analisi modellistica intrapresa dal Copernicus Atmospheric Monitoring Service (CAMS). La valutazione distingue i cambiamenti nelle concentrazioni risultanti dalle misure di blocco da qualsiasi cambiamento determinato dalle condizioni meteorologiche.

In particolare, le concentrazioni di biossido di azoto (NO2) sono state significativamente ridotte nell’aprile 2020, indipendentemente dalle condizioni meteorologiche. L’entità delle riduzioni variava notevolmente all’interno delle città e tra città e paesi, tuttavia in alcuni casi sono state osservate riduzioni superiori al 60%.

Anche le concentrazioni di PM10 sono state complessivamente inferiori in tutta Europa nell’aprile 2020 a causa delle misure di blocco e indipendentemente dalle condizioni meteorologiche, sebbene l’impatto fosse meno pronunciato rispetto a NO2. Tuttavia, ha raggiunto il 30% in alcuni paesi.

Il rapporto poi prende in esame anche due relazioni tra l’inquinamento atmosferico e COVID-19:

  • il possibile effetto dell’inquinamento atmosferico sulla vulnerabilità e suscettibilità al COVID-19 (attraverso una precedente esposizione a lungo termine agli inquinanti atmosferici);
  • il possibile ruolo dell’inquinamento atmosferico nella diffusione della SARS-CoV-2, il virus che causa il COVID-19.

Alcuni primi studi hanno esplorato i collegamenti tra inquinamento atmosferico e tassi di incidenza, gravità o mortalità elevati per COVID-19 e, sebbene abbiano trovato una coincidenza spaziale tra questi elementi della pandemia e alti livelli di inquinamento atmosferico, la causalità non è chiara e sono necessari ulteriori studi epidemiologici. D’altra parte, anche se trasmissione di aerosol a corto raggio di SARS-CoV-2 sembra plausibile, in particolare in luoghi interni specifici, il ruolo dell’inquinamento atmosferico esterno nella diffusione del virus è molto più incerto e saranno necessarie anche ulteriori ricerche su questo argomento.

L’impatto dell’inquinamento atmosferico sulla salute

L’inquinamento atmosferico continua ad avere impatti significativi sulla salute della popolazione europea, in particolare nelle aree urbane. Gli inquinanti più gravi in ​​Europa, in termini di danni alla salute umana, sono il particolato (PM), l’NO2 e l’ozono troposferico (O3).

Alcuni gruppi di popolazione sono più colpiti dall’inquinamento atmosferico di altri, perché più esposti o suscettibili ai rischi ambientali. I gruppi socioeconomici meno abbienti tendono ad essere più esposti all’inquinamento atmosferico, mentre gli anziani, i bambini e quelli con condizioni di salute preesistenti sono più suscettibili.

Anche l’inquinamento atmosferico ha un impatto economico considerevole, riducendo l’aspettativa di vita, aumentando i costi sanitari e riducendo la produttività attraverso i giorni lavorativi persi in vari settori economici.

Le stime dell’impatto sulla salute dell’esposizione all’inquinamento atmosferico indicano che nel 2018 l’esposizione a lungo termine al PM2,5 in Europa (compresi 41 paesi) è stato responsabile di circa 417.000 morti premature, di cui circa 379.000 nell’UE-28.

Ciò rappresenta una riduzione del 13% delle morti premature sia in Europa che nell’UE-28, rispetto alle 477.000 morti premature in Europa (437.000 nell’UE-28) stimate, utilizzando la stessa metodologia per il 2009 (i dati sulla qualità dell’aria del 2009.

L’impatto stimato attribuibile all’esposizione della popolazione all’NO2 in questi 41 paesi europei nel 2018 è stato di circa 55.000 morti premature (circa 54.000 nell’UE-28). Per l’NO2, un confronto con gli impatti del 2009 (120.000 morti premature in Europa e 117.000 nell’UE-28) mostra che le morti premature si sono più che dimezzate, con una riduzione del 54%.

Infine, si stima che l’esposizione all’O3 a livello del suolo abbia causato 20.600 morti premature nel 2018 in Europa e 19.400 nell’UE-28. Contrariamente ai risultati per PM2,5 e NO2, ciò rappresenta un aumento del 20% per l’Europa e del 24% per l’UE-28 sulla base dei dati del 2009 (17.100 morti premature in Europa e 15.700 nell’UE-28). Questo aumento tra questi due anni specifici può essere attribuito alla forte influenza delle alte temperature sulle concentrazioni di O3 nell’estate del 2018.

Esposizione e impatti sugli ecosistemi europei

L’inquinamento atmosferico danneggia anche la vegetazione e gli ecosistemi. Porta a diversi impatti ambientali importanti, che influenzano direttamente la vegetazione e la fauna, nonché la qualità dell’acqua e del suolo e i servizi ecosistemici che supportano. Gli inquinanti atmosferici che attualmente causano la maggior parte dei danni agli ecosistemi sono O3, ammoniaca e ossidi di azoto (NOX).

L’O3 a livello del suolo può danneggiare colture, foreste e altra vegetazione, compromettendone la crescita e compromettendo la biodiversità. La deposizione di composti azotati può causare eutrofizzazione, un eccesso di nutrienti. L’eutrofizzazione può influenzare gli ecosistemi terrestri e acquatici e portare a cambiamenti nella diversità delle specie e alle invasioni di nuove specie.
Nel 2018 una parte significativa dell’area agricola ed ecosistemica europea era ancora esposta a concentrazioni dannose di O3 e all’eutrofizzazione.

Air-Quality-Report-2020

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.