A Terni la presentazione del libro “Ustica, un’ingiustizia civile”

467

l 27 giugno del 1980, alle 20.59 e 45 secondi, nei cieli italiani, si consumava una delle più gravi tragedie aeree nella storia del Paese; un aereo Dc-9 della compagnia privata “Itavia” esplodeva in volo all’altezza dell’isola di Ustica, lungo la rotta tra Bologna e Palermo. Tutte le 81 persone a bordo, tra passeggeri e membri dell’equipaggio, morirono nella tragedia.

Da allora è iniziato uno dei più grandi misteri italiani, caratterizzato da insabbiamenti, incidenti, delegittimazioni, suicidi e morti sospette, registri e tracciati radar cancellati, documenti spariti nel nulla; un “muro di gomma” per nascondere cosa sia realmente accaduto nei cieli del Mediterraneo quella tragica notte.

Cosa distrusse il Dc-9 dell’”Itavia”? Fu una bomba, come da molti oggi ritenuto o un missile, lanciato da un caccia militare in quello che venne definito un “vero e proprio scenario di guerra” aerea nello spazio aereo italiano?

A quasi 41 anni da quella tragedia, prova a far luce sui misteri ancora irrisolti il libro “Ustica, un’ingiustizia civile”, edito da Rubettino e scritto a quattro mani dal giornalista e storico dell’Aviazione Gregory Alegi e dal generale di Squadra aerea Leonardo Tricarico, già capo di Stato maggiore dell’Aeronautica Militare, presidente della Fondazione Icsa (Intelligence Culture and Security Analysis) e presidente del Comitato Scientifico della SAFA (Scuola di Alta Formazione Ambientale di Arpa Umbria)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.