Diga di Pavana: controlli di Arpa Toscana, Arpae Emilia-Romagna e Ispra

In corso dal 19 luglio 2021 i controlli di Ispra in collaborazione con Arpa Emilia-Romagna e Arpa Toscana disposti dal Ministero della Transizione Ecologica

710

A seguito delle operazioni di svaso della diga di Pavana, gestita da Enel Green Power Italia s.r.l. (di seguito EGP), autorizzate dalla Regione Emilia-Romagna (Decreto Dirigenziale n. 2004 del 06/07/2020) e della consistente immissione incontrollata di sedimenti, nel torrente Limentra di Sambuca immediatamente a valle dell’invaso nel territorio toscano e in un lungo tratto del fiume Reno nel territorio emiliano, avvenuta nel luglio 2020, le Regioni Emilia-Romagna e Toscana hanno richiesto un intervento statale per danno ambientale ai sensi dell’articolo 309 del D.Lgs 152/06.

Le attività di controllo e monitoraggio effettuate dal personale tecnico di Arpae e Arpat, territorialmente competenti, sono state trasmesse ad Ispra per la redazione del report di valutazione del danno ambientale, sottoposto, in data 30/12/2020, all’attenzione del competente Ministero.

Con Ordinanza del Ministro della Transizione Ecologica (prot. 0008968 UDCM del 03/05/2021), è stato ordinato a EGP di attuare il programma di accertamento finalizzato all’individuazione delle misure di prevenzione e riparazione del danno ambientale, conducendo il primo ciclo di monitoraggio entro il mese di luglio 2021. La stessa ordinanza disponeva altresì l’esecuzione da parte di Ispra, nell’ambito del Sistema nazionale a rete per la protezione ambientale (di seguito Snpa), degli opportuni controlli sui monitoraggi e sugli approfondimenti tecnici proposti e effettuati dall’operatore.

Ispra, Arpae e Arpat in questi due mesi hanno lavorato per garantire quanto richiestodedicandosi alle valutazioni dei programmi proposti da EGP e all’organizzazione delle attività di controllo in campo previste nell’Ordinanza del Ministro della Transizione Ecologica.

I monitoraggi di luglio prevedono:

  • analisi delle acque in tutti i corsi d’acqua coinvolti (torrente Limentra di Sambuca e fiume Reno)
  • analisi del sedimento fluviale e del bacino
  • caratterizzazione dell’habitat naturale
  • studio di diatomee, macrofite, macroinvertebrati e pesci.

A partire da lunedì 19 luglio il personale di Ispra congiuntamente a personale tecnico di Arpae e Arpat ha iniziato le attività di controllo sui monitoraggi ambientali effettuati dalla ditta incaricata da EGP, che si svolgono sia in Toscana che in Emilia-Romagna.

L’esito dei controlli effettuati e i risultati dei monitoraggi trasmessi da EGP serviranno a pianificare gli interventi di riparazione primaria/complementare/compensativa che verranno realizzati ai sensi del D.Lgs 152/06.

Tale attività coinvolge specifiche professionalità tecniche e, alla luce di quanto stabilito dalla normativa vigente (articolo 3, comma 1, lett. b) e lett. d), della legge istitutiva del Snpa n. 132/2016), vedrà lo svilupparsi di procedure condivise, in ambito Snpa, tra Ispra e le Agenzie coinvolte nei casi di accertamento di danno ambientale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.