La Commissione europea pubblica la prima relazione annuale sulle emissioni di CO2 del trasporto marittimo

511

La Commissione europea ha pubblicato la prima relazione annuale sulle emissioni di CO2 del trasporto marittimo. Il rapporto analizza le informazioni sulle emissioni di CO2 e sull’efficienza energetica di tutte le navi con oltre 5.000 tonnellate di stazza lorda, che hanno effettuato attività di trasporto marittimo legate allo Spazio economico europeo (SEE) nel 2018.

Le emissioni segnalate da 11.600 navi hanno sommato a oltre 138 milioni di tonnellate di Emissioni di CO2 in quell’anno, che rappresentano il 3,7% delle emissioni totali di CO2 nell’UE secondo i dati sulle emissioni di gas serra dell’Agenzia europea per l’ambiente.

Questa relazione annuale si basa sui dati relativi alle emissioni nel 2018, comunicati dalle società fino a settembre 2019 ai sensi del regolamento UE sul monitoraggio, la comunicazione e la verifica (MRV) delle emissioni di CO2 del trasporto marittimo. I dati e la relazione saranno pubblicati ogni anno per consentire una migliore comprensione delle caratteristiche, delle emissioni di CO2 e dell’efficienza energetica della flotta monitorata.

Il rapporto mostra che circa i due terzi delle emissioni segnalate sono legate a viaggi verso o da un porto al di fuori del SEE. I viaggi all’interno del SEE rappresentavano solo il 32% delle emissionitotali di CO2 e le emissioni delle navi nei porti SEE rappresentavano il 6% delle emissioni totali. Nel confrontare le emissioni tra diversi tipi di navi, le navi portacontainer hanno rappresentato la quota maggiore delle emissioni totali, con oltre il 30%.

L’efficienza energetica tecnica della flotta monitorata è generalmente paragonabile a quella della flotta mondiale (ad eccezione delle navi portacontainer di piccole dimensioni). La maggior parte della flotta monitorata soddisfa già gli standard globali di efficienza energetica applicabili nel periodo 2020-2025. In termini di efficienza energetica operativa, la stragrande maggioranza delle navi ha ridotto la propria velocità rispetto al 2008 (da -15 a -20%). La crociera a velocità più basse consente di risparmiare energia e carburante e può ridurre significativamente le emissioni di CO2.

Dal 2018, il regolamento UE sul monitoraggio, la comunicazione e la verifica delle emissioni di CO2del trasporto marittimo (regolamento (UE) 2015/757) impone alle compagnie di navigazione di monitorare le proprie emissioni di CO2, il consumo di carburante e altre informazioni pertinenti durante la navigazione da o verso i porti nel SEE, quando trasportano merci o passeggeri per motivi commerciali.

Le 11.600 navi monitorate ai sensi della legislazione dell’UE rappresentano il 38% della flotta mercantile mondiale (oltre 5.000 tonnellate di stazza lorda) e coprono una grande varietà di navi da navi passeggeri roll-on / roll-off a navi portarinfuse, petroliere e navi portacontainer. Sono relativamente giovani (11 anni in media), ma ci sono grandi differenze di età tra i tipi di navi.

I dati sulle emissioni di CO2 e le informazioni sull’efficienza energetica di tutte le singole navi sono disponibili al pubblico su THETIS-MRV, la banca dati web-based sviluppata dalla Commissione e dall’Agenzia europea per la sicurezza marittima (EMSA). La trasparenza del sistema e la granularità dei dati riportati è la chiave per affrontare le barriere del mercato e stimolare la diffusione di comportamenti e tecnologie ad alta efficienza energetica.

swd_2020_82_en

Per approfondimenti 2019 Annual Report on CO2 Emissions from Maritime Transport

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.