Giovani e formazione ambientale insieme all’Ispra

Due anni di alternanza scuola-lavoro con gli studenti delle scuole superiori raccontati in un volume: foto, schede didattiche e un bilancio dell'attività.

832

Oggi si chiamano “Percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento”, gli ex corsi di “Alternanza scuola-lavoro”, che hanno visto impegnati negli ultimi anni gli studenti italiani delle scuole secondarie di secondo grado in attività formative extra scolastiche. Nel 2018-2019 le sedi e i laboratori dell’Ispra hanno ospitati 165 giovani impegnati in 650 ore complessive di formazione ambientale. Attraverso 16 progetti diversi, gli studenti sono diivntato familiari con i temi legati alla difesa dell’ambiente e alla sostenibilità: dalla biodiversità marina al report ambientale, dallo studio dei materiali geologici alla citizen science.

Per la generazione di Greta Thunberg i temi ambientali non sono più ostici come era un tempo. Al contrario sono divenuti obiettivi per cui manifestare in tutto il mondo. Si è visto anche tra i ragazzi che hanno partecipato ai corsi dell’Ispra, nelle varie sedi italiane dell’Istituto. A raccontare l’esperienza il quaderno “Appunti di viaggio 3/2019”, disponibile online: un album di foto, racconti e schede didattiche, che ripercorre quanto è stato realizzato con i giovani nell’anno scolastico 2018-2019. “E’ stato molto interessante visitare i laboratori. Non credevo che mi potesse interessare così tanto – ha commentato uno dei giovani partecipanti – Mi ha anche introdotto al mondo del lavoro”. Un percorso che è stato valutato positivamente nella chiarezza dei contenuti e nella capacità di fornire nuove conoscenze dal 93% dei ragazzi.

Con la finanziaria 2019 i percorsi di Alternanza scuola-lavoro hanno cambiato nome in “Progetti per le competenze trasversali e per l’orientamento (PCTO)”. E’ diminuito il monte ore triennale e i nuovi percorsi vogliono soprattutto rafforzare le conoscenze acquisite a scuola e divenire strumento efficace per l’orientamento universitario dei ragazzi. Quanto la riforma ha previsto non ha colto alla sprovvista i tecnici di Ispra che, già nella precedente tornata formativa, avevano proposto percorsi su tematiche ambientali in cui veniva bilanciata e combinata la formazione teorica con quella pratica, così da coinvolgere gli studenti nella realtà lavorativa in base alle proprie preferenze ed inclinazioni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.