Per una moda più sostenibile

71

L’industria della moda ha una grossa fetta di responsabilità nell’inquinamento globale. La fotografia è preoccupante: sono da attribuire a questo settore il 20% dello spreco globale di acqua e il 10% delle emissioni di anidride carbonica. Allo stesso tempo le coltivazioni di cotone sono responsabili per il 24% dell’uso di insetticidi e per l’11% dell’uso di pesticidi. Ma l’impatto ambientale dell’industria della moda non si ferma alla produzione, anzi. Cosa può fare, allora, ognuno di noi per impattare il meno possibile? Sicuramente quattro cose:

  • Leggere sempre l’etichetta,
  • cercare materiali a basso impatto ambientale,
  • aggiustare e non buttare,
  • considerare i negozi per gli abiti di seconda mano.

Ne parla Cristina Da Rold in un articolo sulla rivista Micron.

Secondo le Nazioni Unite, gli attuali stati generali dell’industria della moda sono un’emergenza ambientale e sociale. Ambientale perché quasi il 20% delle acque reflue globali è prodotto dall’industria della moda, che emette anche circa il dieci% delle emissioni globali di carbonio. Sono necessari 20.000 litri di acqua per realizzare una sola maglietta e un paio di jeans.

Inoltre, l’industria tessile è stata identificata negli ultimi anni come uno dei principali fattori che contribuiscono all’entrata della plastica nell’oceano, motivo di crescente preoccupazione a causa delle implicazioni negative per l’ambiente e la salute.

Ma si tratta anche di un’emergenza sociale perché le riduzioni dei costi e dei tempi di produzione temporali sono spesso imposte a tutte le parti della catena di approvvigionamento, portando a orari di lavoro prolungati e a di bassi salari.

Leggi il resto


Altri articoli sul tema:

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.