Uno strumento per stimare le emissioni da ammoniaca negli allevamenti suini e avicoli

371

Un innovativo strumento di calcolo, disponibile liberamente on line, in grado di stimare le emissioni di ammoniaca negli allevamenti intensivi di suini ed avicoli: nel bacino padano potrebbe coinvolgere circa duemila allevamenti oggi soggetti ad AIA, cioè ai procedimenti di revisione delle Autorizzazioni integrate ambientale.

Lo strumento in questione è l’applicativo “BAT-Tool”, sviluppato nell’ambito del progetto europeo Life PREPAIR dalla Regione Emilia-Romagna assieme agli altri partner coinvolti nelle azioni relative al settore agricoltura. Lo strumento di calcolo permette di stimare le emissioni di ammoniaca a partire dai dati sulle tecniche applicate negli allevamenti intensivi di suini ed avicoli e di mettere a confronto diversi scenari, fornendo inoltre informazioni semplificate anche su altri gas emessi dagli impianti.

Il software BAT-Tool,  pensato come strumento di supporto nei procedimenti di revisione delle Autorizzazioni integrate ambientali e per gli altri adempimenti che richiedono una valutazione delle emissioni, costituisce un primo passo verso la realizzazione di un modello per la stima delle emissioni dagli allevamenti comune a tutto il bacino padano, previsto come risultato del progetto PREPAIR e che nella sua versione finale comprenderà anche altre specie allevate e altri inquinanti, con approccio integrato tra le diverse componenti ambientali.

Il BAT-tool è già stato sottoposto a una fase di test che ha coinvolto tecnici esperti del settore in diverse Regioni, ed è ora liberamente accessibile on line previa iscrizione al seguente link http://www.crpa.it/battool

Tra le funzioni già attive è presente la possibilità per i gestori degli impianti di esportare i dati inseriti e utilizzarli per la presentazione di domande o istanze.

Il progetto Life PREPAIR mira ad implementare le misure previste dall’Accordo di Bacino e dai piani di ciascun territorio partner (Emilia-Romagna, Veneto, Lombardia, Piemonte, Valle d’Aosta, Friuli Venezia Giulia, a cui si aggiunge la provincia di Trento) e a rafforzarne la sostenibilità e la durabilità dei risultati: il progetto, che ha preso il via a febbraio 2017 e ha durata di sette anni, copre la valle del Po e le regioni e le città che influenzano maggiormente la qualità dell’aria nel bacino stesso.

Il progetto include azioni in diverse aree tematiche tra i principali settori legati alle emissioni atmosferiche: la combustione di biomasse, il trasporto di beni e passeggeri, il riscaldamento domestico, l’industria e l’energia nonché l’agricoltura, che si stima essere responsabile del maggior contributo delle emissioni di ammoniaca, principalmente prodotta da fertilizzazione ed allevamenti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.