Alto Adige: qualità aria 2021, trend positivo per il biossido d’azoto

948
La città di Bolzano vista dall'alto
La conca di Bolzano vista dalle passeggiate del Guncina (Foto: Appa Bolzano/Franzoi)

Presentati da Appa Bolzano durante il “Tavolo tecnico per la qualità dell’aria” i dati del 2021. Situazione NO2 in leggero miglioramento in virtù di un crescente rinnovo del parco auto; ancora alcuni superamenti lungo l’A22 del Brennero e in ambito cittadino per l’effetto canyon; polveri sottili stabili, criticità per il benzo[a]pirene. Video su YouTube.

In Alto Adige la qualità dell’aria nel 2021 registra valori del biossido di azoto (NO2) sostanzialmente stabili se confrontati con quelli del 2020 e segna un chiaro miglioramento rispetto agli anni precedenti pre-pandemici. E questo nonostante nel 2021 sia la circolazione che le attività economiche rispetto al 2020 siano tornate più o meno sui livelli abituali. Secondo gli esperti di Appa Bolzano, che ieri (22 febbraio) assieme all’Assessore provinciale all’ambiente, Giuliano Vettorato, hanno illustrato i dati 2021 durante il “Tavolo tecnico per la qualità dell’aria”, il motivo principale di questo leggero miglioramento potrebbe essere strutturale ovvero dovuto principalmente ad un crescente ricambio del parco macchine circolante.

Video realizzato su incarico dell’Agenzia di stampa e comunicazione della Provincia di BZ.
Versione del video in lingua tedesca

NO2: alcuni superamenti lungo l’A22 e per “effetto canyon”

“Nel 2021 il valore limite annuale per il biossido di azoto (NO2) di 40 microgrammi/m3 è stato superato unicamente in due stazioni di misura della rete di monitoraggio della qualità dell’aria, ovvero in quelle lungo l’A22 del Brennero”, spiega Luca Verdi, direttore del Laboratorio Analisi aria e radioprotezione di Appa Bolzano. L’NO2 è un gas prodotto principalmente dalle emissioni dovute al traffico stradale, in modo particolare dai veicoli diesel, e ad elevate concentrazioni può rappresentare un rischio per la salute. “In ambito cittadino – continua Luca Verdi – si confermano le criticità legate al cosiddetto effetto canyon: lungo le strade trafficate, costeggiate da una serie di condomini, gli inquinanti faticano a disperdersi, e qui sono state raggiunte anche nel 2021 concentrazioni per l’NO2 prossime e a volte superiori al valore limite annuale, nonostante le limitazioni legate alla pandemia. Lo scenario è simile al 2020 e ampiamente migliore del 2019”.

Dati in miglioramento per ricambio parco auto

Sebbene nel 2021 sia stato registrato un aumento del traffico rispetto al 2020 (caratterizzato invece da un lockdown duro sia in primavera che in autunno) non è stato altresì rilevato un peggioramento dei dati della qualità dell’aria. “Uno dei motivi principali è sicuramente da ricondurre al fatto che nel 2020 e 2021 abbiamo assistito ad un rapido rinnovamento del parco macchine – spiega Georg Pichler, direttore dell’Ufficio Aria e rumore di Appa Bolzano – che ha messo in circolazione veicoli decisamente meno inquinanti come le auto ibride ed elettriche nonché i nuovi diesel Euro6-D. Tutti questi veicoli emettono molto meno ossidi di azoto (NOx) di quelli precedenti. In Alto Adige, infatti, negli ultimi 2 anni, secondo i dati ACI, si è registrato un calo della quota di mercato del 16% nelle vendite di autovetture diesel e un aumento del 25 % nelle vendite di auto ibride ed elettriche”.

Polveri sottili stabili e sotto i limiti annuali

“Le polveri fini (PM10 e PM2,5), sono di origine in parte naturale in parte antropica (riscaldamento, industrie, traffico, fenomeni di attrito su strada, ecc.). La situazione in Alto Adige nel 2021 è rimasta sostanzialmente invariata rispetto al 2020″, spiega ancora Luca Verdi. “Vengono ampiamente rispettati i limiti imposti dalle norme europee in termini di medie annuali. Per il PM10 , distribuito in modo piuttosto omogeneo sul territorio, le medie annuali sono comprese in tutti i punti di misura fra 16 e 20 microgrammi/m3 (a fronte di un limite di 40 microgrammi/m3). Per il PM2,5 l’intervallo che comprende tutti i valori medi annuali è 11-14 microgrammi/m3 (a fronte di un limite di 20 microgrammi/m3).

I dati delle polveri sottili in Alto Adige negli ultimi 20 anni (Fonte: Appa Bolzano)

Criticità per il benzo[a]pirene nelle zone rurali

Il benzo(a)pirene è una componente delle polveri sottili. “Anche nel 2021 si registra per il benzo[a]pirene il superamento del valore obiettivo fissato dalla normativa europea e nazionale presso la stazione di misura di Laces”, spiega Luca Verdi. “Il benzo[a]pirene è una componente cancerogena del particolato sospeso che deriva da una combustione incompleta del legno, ad esempio nel caso dei piccoli impianti a legna come stufe e caminetti alimentati manualmente, ed è quindi presente soprattutto nelle aree rurali”.

I dati relativi al benzo[a]pirene negli ultimi 10 anni in Alto Adige (Fonte: Appa Bolzano)

Tutti i dati riferiti alla qualità dell’aria sono consultabili sul sito web di Appa Bolzano.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.