Nuova veste per il sito Web di ARPAT dedicato alla qualità dell’aria

315

È on line una nuova versione dell’home page della sezione del sito Web di ARPAT dedicata alla qualità dell’aria nella regione.

Queste le principali novità.

La pagina principale contiene una sintesi delle informazioni più importanti e aggiornate in relazione alla stagione in corso. Ad esempio, per la stagione invernale viene proposta la mappa delle concentrazioni medie giornaliere di PM10, il grafico riassuntivo dell’Indice di criticità ed il grafico delle concentrazioni rilevate negli ultimi 10 giorni. In questo modo si intende fornire un’informazione immediata ‘a colpo d’occhio’, salvo poi consentire gli approfondimenti seguendo i link alle pagine specifiche del sito.

Completano l’offerta informativa della home page tre box:

  • una finestra di ricerca per ottenere i link sulla situazione di ogni comune della regione,
  • link alle campagne di monitoraggio con autolaboratorio in corso
  • ultimi lavori prodotti dal Settore Centro regionale per la tutela della qualità dell’aria (CRTQA)

Nella nuova versione è stata migliorata anche la visualizzazione della struttura delle rete di monitoraggio e della sua ubicazione sul territorio regionale, in particolare per quanto riguarda le campagne di monitoraggio con autolaboratori; è ora possibile:

Questa mappa viene aggiornata dinamicamente e andrà progressivamente popolandosi in risposta alle richieste di monitoraggio in siti specifici che vengono avanzate dagli enti sul territorio.

Questi cambiamenti arrivano proprio all’avvio della stagione critica per la qualità dell’aria, quando le temperature scendono e si riaccendono i riscaldamenti, un’importante fonte di inquinamento nelle nostre città.

È infatti in questo periodo che ARPAT, come ogni anno dal 1° novembre e fino al 31 marzo, pubblica quotidianamente l’Indice di criticità per la qualità dell’aria (ICQA), il servizio che regola l’attivazione degli interventi contingibili urgenti da parte dei comuni soggetti all’elaborazione ed approvazione dei Piani di Azione Comunale per il PM10 nelle Aree di Superamento.

Oltre all’Indice stesso vengono pubblicati i dati che compongono l’indice:

  • il numero di superamenti di PM10 rilevati da ARPAT negli ultimi 7 giorni nelle stazioni di riferimento,
  • le previsioni meteo effettuate da Consorzio LaMMA per il giorno corrente e per i successivi 2 giorni, caratterizzate da tre colori: Verde, ovvero condizioni meteo favorevoli alla dispersione degli inquinanti (previsioni meteo favorevoli), giallo, condizioni meteo indifferenti all’accumulo o alla dispersione degli inquinanti (previsioni meteo indifferenti), rosso, condizioni meteo favorevoli all’accumulo degli inquinanti (previsioni meteo critiche).

L’ICQA può avere due valori (1 o 2):

  • dal 1 Novembre al 31 Marzo l’indice ICQA viene impostato al valore 1 per tutte le Aree di superamento, imponendo ai Comuni di adottare un primo pacchetto di provvedimenti, previsti nel modulo 1 dei rispettivi Piani di Azione Comunale;
  • nello stesso periodo, l’indice passa al valore 2 qualora la somma tra il numero di superamenti rilevati nell’ultima settimana ed il numero di giorni con previsioni meteo critiche risulti maggiore o uguale a 7; questo attiva i Comuni dell’Area specifica ad adottare ulteriori provvedimenti definiti nel modulo 2 dei rispettivi Piani di Azione Comunale.

Si ricorda che la sezione del sito Web dedicata alla qualità dell’aria contiene numerosi dati e servizi utili:

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.