Con “Savager” Arpa Lombardia individua un deposito con rifiuti quattro volte superiori a quelli consentiti, a Marudo (Lodi)

140

“Il progetto Savager sbarca anche nel territorio lodigiano e individua il primo ecoreato”. Così gli operatori del dipartimento Lodi-Pavia, di Arpa Lombardia, commentano il sequestro di un quantitativo di rifiuti, superiore sino a quattro volte quello autorizzato, individuato in un’azienda di Marudo (LO), specializzata nel trattamento dei rifiuti.

Giovedì scorso grazie a SAVAGER, il sistema di Sorveglianza AVAnzata GEstione Rifiuti messo a punto da Arpa Lombardia e finanziato dalla Regione Lombardia, gli ufficiali di Polizia giudiziaria dell’Agenzia, d’intesa con la Procura di Lodi, unitamente ai Carabinieri forestali, hanno sequestrato i rifiuti cartacei e plastici superiori al limite autorizzato dalla Provincia di Lodi.

Grazie alle immagini satellitari e alla successiva ispezione effettuata con l’ausilio dei droni, i tecnici di Arpa avevano intuito che nell’azienda vi fosse un quantitativo anomalo di rifiuti. Attraverso particolari algoritmi di ricostruzione dell’immagine in 3D, che hanno permesso di ricostruire i volumi reali stoccati, e alla successiva ispezione effettuata “in campo”, è stata confermata l’effettiva entità dei rifiuti in eccesso.

Il successivo blitz, effettuato da Carabinieri forestali e Arpa Lombardia, ha fatto scattare i sigilli sui rifiuti in surplus. L’azienda dovrà procedere allo smaltimento dei rifiuti eccedenti prima di ritirarne di nuovi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.