Acquacoltura, accordo tra Arta Abruzzo e Regione per lo sviluppo sostenibile

68

Arta Abruzzo ha stipulato una convenzione con il Dipartimento Politiche dello Sviluppo rurale e della Pesca della Regione Abruzzo con l’obiettivo di identificare e mappare le zone marine in cui dovrebbero essere vietate attività di acquacoltura (mappa dei vincoli) e quelle invece più idonee (AZA – Adeguate Zone to Acquaculture) per lo sviluppo di questa attività.

Il progetto prevede anche la collaborazione dell’Istituito Zooprofilattico Sperimentale dell’Abruzzo e del Molise “G. Caporale” e del Gruppo Tecnico di Lavoro (GdL) Interdipartimentale istituito nel 2017 dalla Regione.

A causa del progressivo incremento di richieste d’uso di spazio marittimo per scopi diversi, tra cui produzione di energia da fonti rinnovabili, sfruttamento di giacimenti di petrolio e gas naturale, estrazione e smaltimento di sedimenti, pesca e acquacoltura, protezione ambientale e turismo, nuovi porti e rotte di navigazione, è quanto mai necessario attivare una gestione integrata ed una pianificazione dello spazio marittimo, come previsto dalla Direttiva 2014/89/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 23 luglio 2014, che individuino anche le aree idonee all’acquacoltura.

Per perseguire lo sviluppo sostenibile dell’allevamento di pesci, crostacei e molluschi in zone marine confinate e controllate dall’uomo è fondamentale riuscire ad individuare le aree maggiormente vocate all’insediamento di nuovi impianti, considerando sia il potenziale produttivo dell’ecosistema marino che il buono stato ambientale e le possibili interazioni con altre attività marittime.

Per Arta la convenzione prevede la partecipazione ai tavoli di consultazione e agli incontri tecnici organizzati per la pianificazione della molluschicoltura, fornendo supporto tecnico alla Regione Abruzzo; la definizione dei parametri spaziali da prendere in considerazione per l’individuazione delle AZA con relative zone di salvaguardia (buffer zones); la definizione dei parametri ambientali e microbiologici da prendere in considerazione per la definizione delle AZA; la definizione dei parametri ambientali per la valutazione della capacità portante (carrying capacity) di un impianto per l’allevamento di mitili; il monitoraggio per la valutazione dell’impatto sul fondale marino di un impianto di molluschicoltura utilizzando la motonave Ermione.

La motonave specializzata Ermione di Arta Abruzzo, imbarcazione attrezzata per le attività tecnico-scientifiche in mare.

Il progetto prevede anche la calibrazione tra i dati ambientali marini rilevati da sistemi satellitari, come clorofilla, temperatura e torbidità, e i dati afferenti agli stessi parametri rilevati in loco con sonde multiparametriche. Ciò permetterà di snellire le attività di monitoraggio in campo utilizzando esclusivamente le informazioni satellitari, una volta validate, anche a vantaggio degli stessi acquacoltori non dotati, in genere, di strumenti di rilevazione per la gestione dei dati ambientali.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.