In Veneto nel 2022 poche piogge e molti pollini

408

La primavera è sinonimo di fioritura e di polline nell’aria. Ad aprile, secondo i dati di Arpa Veneto, la presenza di granuli pollinici è stata molto elevata, un vero e proprio “turbinio”. Ma la grande quantità di pollini è iniziata già alcuni mesi fa: a gennaio con il nocciolo e poi, nei mesi successivi, con le fioriture delle piante anemofile, cioè che diffondono il polline attraverso l’azione del vento.

L’alta quantità di pollini è legata anche alle condizioni meteorologiche favorevoli all’apertura delle antere (la parte del fiore con i granuli pollinici), quali poche piogge, temperature miti e leggera ventilazione. Inoltre, la varietà vegetazionale del Veneto, dovuta alla sua peculiare geografia con zone di pianura, litoranee e montane, ha contribuito a diversificare la quantità di polline rilevato nelle otto stazioni di campionamento aerobiologico di Arpa Veneto, presenti nei sette capoluoghi di provincia e a Feltre (Bl), in zona montana.

Un valido indicatore per quantificare il polline rilevato in un anno di campionamento è l’Indice pollinico annuale, cioè la somma delle concentrazioni giornaliere, espresse in granuli/mc aria (metricubi aria) dei granuli pollinici aerodispersi, monitorati in una stazione di campionamento.

Nel grafico sono riportati gli indici pollinici del 2020, 2021 e quello del 2022 al 24 aprile. Nel 2020 il valore dell’Indice pollinico è stato maggiore rispetto al 2021. Osservando però i dati parziali del 2022, si nota come la quantità di pollini presenti nell’aria sia considerevole già nei primi quattro mesi di quest’anno.

Indice pollinico 2020, 2021 e 2022 fino al 24 aprile

Leggi l’articolo in versione integrale

Per info

Sezione pollini sul sito Arpa Veneto

Pollnet

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.