PFAS: modelli, tecniche, strumenti di valutazione e intervento

634

Dopo gli incontri formativi di fine ottobre con gli studenti, l’attività di informazione e condivisione dei risultati finora otteniti dal progetto LIFE Phoenix prosegue il 26 e il 27 novembre con un ciclo di webinar.

I webinar sono rivolti agli stakeholder del progetto: amministratori pubblici, manager aziendali, operatori di industrie di settore, consorzi di bonifica, produttori ortofrutticoli e agricoltori, e a tutti coloro che intendono approfondire le tematiche in questione.

Nelle due giornate gli esperti del progetto racconteranno le attività e obiettivi finora raggiunti. Per Arpav, partner del progetto, Massimo Mazzola, Lidia Marzaro e Gianni Formenton, parleranno di risultati e aspetti studiati nell’ambito del progetto

Massimo Mazzola il 26 novembre presenterà agli amministratori pubblici il modello numerico elaborato per interpretare, predire e quantificare il fenomeno di contaminazione da PFAS.

Il 27, nella sessione dedicata all’industria, Gianni Formenton e Lidia Marzaro parleranno, rispettivamente, di produzione e smaltimento dei PFAS alla luce della normativa REACH, e dell’ampio utilizzo di queste molecole in articoli di uso comune.
Il ciclo di webinar è organizzato dal Dipartimento di Biologia dell’Università degli Studi di Padova.

Programma_Ciclo_Webinar_Life_Phoenix_19_NOVEMBRE

Gli eventi si svolgeranno su piattaforma Zoom. È possibile partecipare senza alcuna registrazione, basta collegarsi al link: https://unipd.zoom.us/j/8248810192

Il Progetto LIFE PHOENIX (Perfluorinated compounds and HOlistic ENvironmental Interinstitutional eXperience), co-finanziato dall’Unione Europea nel 2017, è nato dalla collaborazione tra Regione Veneto in qualità di Project Leader, Università di Padova, ARPAV, CNR-IRSA e Azienda Zero. Il progetto ha come obiettivo principale quello di aumentare la conoscenza sul rischio correlato alla diffusione in natura dei Contaminanti Organici Mobili e Persistenti (PMOC) emergenti, con particolare riferimento al caso dei PFAS a catena corta presenti nelle acque di alcune province del Veneto. Nello specifico, il progetto prevede lo sviluppo di un modello di governance finalizzato a ridurre la dispersione e l’impatto di queste sostanze nella nostra regione, modello che possa essere replicato in altre regioni dell’Europa che presentino criticità simili nella matrice acqua.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.