Incendio di Battipaglia, i risultati delle indagini ambientali

79

[9 agosto 2019] Sono disponibili i primi risultati sulle concentrazioni di diossine riscontrate in aria in seguito all’incendio che lo scorso 3 agosto ha colpito un sito di stoccaggio rifiuti situato…Leggi di più 

[6 agosto 2019] Incendio di Battipaglia, aggiornamento dati qualità dell’aria

Sul sito istituzionale Arpac è disponibile un aggiornamento dei dati sulla qualità dell’aria rilevati da due centraline situate a Battipaglia (Salerno), nel territorio interessato dall’incendio divampato lo scorso 3 agosto in un impianto di stoccaggio rifiuti. Per il periodo 3-6 agosto 2019 sono riportate le concentrazioni medie orarie di biossido di zolfo, idrogeno solforato, ossidi di azoto, monossido di carbonio, ozono, benzene, toluene, m-xilene, metano, idrocarburi non metanici e le concentrazioni medie giornaliere di PM10 e PM2,5 al fine di descrivere il potenziale impatto dell’evento sulla qualità dell’aria.

Su tutti i parametri monitorati, le due centraline non hanno evidenziato superamenti delle soglie normative vigenti – ove previste e/o applicabili. I valori misurati si sono attestati su livelli tendenzialmente confrontabili con quanto rilevato storicamente nei siti monitorati. L’Agenzia sta effettuando ulteriori indagini nell’area interessata dall’incendio, descritte nei dettagli nel comunicato diffuso ieri. I risultati di questi ulteriori monitoraggi saranno diffusi non appena disponibili.

Report dati qualità dell’aria rilevati dalle centraline “Battipaglia Stir” e “Battipaglia Parco Fiume” (3-6 agosto 2019)

Notizie precedenti

[5 agosto 2019] Incendio di Battipaglia, primi risultati degli accertamenti Arpac

L’Arpa Campania sta effettuando monitoraggi specifici in seguito all’incendio che lo scorso 3 agosto è divampato in un sito di stoccaggio di rifiuti non pericolosi, di proprietà della New Rigeneral Plast srl, situato nell’area Asi del comune di Battipaglia (Salerno). Fin dal primo pomeriggio del 3 agosto, tecnici Arpac del dipartimento di Salerno si sono recati sul posto. Dal momento dello sviluppo dell’incendio, fino alle ore 20 circa, si è rilevato vento con marcata direzione Sud Ovest – Nord Est, che ha spinto i fumi in direzione del territorio comunale di Eboli. Nella sera del 3 agosto il vento è diminuito e la colonna di fumo ha assunto una prevalente direzione subverticale.

Nello stesso pomeriggio del 3 agosto l’Agenzia ha posizionato e messo in funzione, nei pressi del sito colpito dall’incendio, un laboratorio mobile per il monitoraggio della qualità dell’aria. Il laboratorio monitora la presenza di diversi inquinanti, tra cui polveri sottili, metalli e idrocarburi policiclici aromatici (IPA). I risultati del monitoraggio saranno diffusi nei prossimi giorni, compatibilmente con i tempi necessari per l’elaborazione dei dati.

Arpac è inoltre presente nel territorio interessato dall’incendio con due centraline fisse, denominate Battipaglia Parco Fiume e Battipaglia Stir, la prima facente parte della rete regionale di monitoraggio della qualità dell’aria, la seconda situata in prossimità dell’impianto di trattamento dei rifiuti urbani (TMB ex Stir) di Battipaglia. Nelle date 2 agosto, 3 agosto e 4 agosto 2019 le due centraline non hanno rilevato concentrazioni superiori ai limiti posti dalla normativa vigente, per gli inquinanti monitorati, tra cui biossido di azoto e polveri sottili. Per informazioni più dettagliate sui dati delle centraline fisse, si invita a consultare le apposite pagine del sito web Arpac (Dati di qualità dell’aria rilevati dalla rete regionale di monitoraggio, Dati di qualità dell’aria rilevati in prossimità degli impianti di trattamento dei rifiuti urbani).

Nella mattina di oggi l’Agenzia ha installato inoltre, nei pressi del laboratorio mobile, un campionatore ad alto volume per la determinazione di diossine e furani nell’aria; in aggiunta, in un’area prossima all’incendio, i tecnici Arpac hanno posizionato campionatori passivi per la determinazione di diversi parametri, tra cui ossidi di azoto, biossido di zolfo e composti organici volatili. I risultati dei campionamenti saranno diffusi non appena disponibili.

Infine, in queste ore, l’Agenzia ha prelevato otto campioni di top soil (terreno superficiale) in aree non pavimentate, collocate principalmente lungo la direzione di massima diffusione dei contaminanti originati dall’incendio.

Arpac ha elaborato una relazione dettagliata sulle attività condotte finora dall’Agenzia: si invita a consultare la relazione per un quadro completo delle indagini svolte.

Relazione_Battipaglia_05082019

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.