L’ambiente visto dall’alto: Arpa Veneto sperimenta i droni

I droni offrono nuove opportunità ai controlli ambientali rispetto alle tecniche tradizionali.

468
drone passo Valles
Esercitazione con il drone a Passo Valles sulle Dolomiti

Un nuovo occhio per controllare l’ambiente. A fine novembre Arpa Veneto svolgerà il primo corso di formazione per i propri tecnici dedicato all’utilizzo dei droni per le indagini sul territorio.

Poter acquisire le immagini dall’alto e poi elaborarle con programmi di ricostruzione di immagini, anche tridimensionali, consentirà di controllare approfonditamente aree vaste, individuando inquinamenti non sempre e facilmente rilevabili con indagini tradizionali.
Tra i primi ambiti oggetto di rilievo rientrano le discariche, gli sversamenti in fiumi e laghi, i terreni contaminati, la morfologia e le vita vegetale nei bacini fluviali e lacustri.

Un’altra applicazione studiata da Arpav è il controllo dell’illuminazione artificiale notturna. Con un drone dotato di fotocamera con calibrazione specifica per la misura della luminanza si potrà effettuare il controllo mirato, veloce e preciso degli impianti pubblici e privati individuando gli impianti maggiormente inquinanti e studiando nel contempo le complesse dinamiche di diffusione della luce in atmosfera.

Immagine 3D Passo Valles sulle Dolomiti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.