Carlo Cacciamani nominato direttore di ItaliaMeteo

Il Governo ha deliberato l’incarico all’attuale responsabile della Struttura IdroMeteoClima di Arpae.

1146

Il Consiglio dei ministri, nella riunione del 16 settembre 2021 su proposta del presidente del Consiglio, Mario Draghi, ha deliberato il conferimento dell’incarico di direttore dell’Agenzia nazionale per la meteorologia e climatologia “ItaliaMeteo” a Carlo Cacciamani, attuale responsabile della Struttura IdroMeteoClima di Arpae Emilia-Romagna.

Con la nomina (che dovrà essere ratificata da un decreto del presidente della Repubblica) potrà finalmente prendere l’avvio l’attività dell’agenzia, la cui sede sarà a Bologna. 

ItaliaMeteo avrà il ruolo di servizio meteo nazionale e sarà anche una struttura di coordinamento di tutti gli “Enti meteo” definiti nel regolamento dell’Agenzia e che gestiscono in modalità e misura diverse le tematiche meteo-climatologiche e marine nel paese. Con la sua nascita si colma la mancanza storica di un servizio meteorologico nazionale civile, assente in Italia a differenza della grande maggioranza degli altri Paesi. 

“Sono onorato di questa scelta- afferma Carlo Cacciamani-, l’agenzia ItaliaMeteo potrà far fare al nostro Paese un vero balzo in avanti: lo sviluppo, la produzione e la diffusione di servizi nei settori della meteorologia, climatologia e stato del mare sono essenziali per dare impulso a tanti settori produttivi e fornire il supporto necessario alle politiche ambientali, alla gestione del territorio, alla riduzione del rischio, alla realizzazione delle fondamentali azioni e politiche di adattamento e mitigazione al cambiamento climatico. Il compito che ci aspetta è molto impegnativo, ma ci sono gli attori giusti per portarlo avanti, con tutte le competenze che servono. Sento anche un grande entusiasmo intorno a questa nuova agenzia, che mi fa ben sperare per l’operatività di questo nuovo soggetto istituzionale di cui tanto si sentiva il bisogno”.

“A Carlo Cacciamani i migliori auguri di buon lavoro da parte del Sistema nazionale per la protezione dell’ambiente – ha dichiarato Stefano Laporta presidente di Snpa e di Ispra – Un ruolo strategico quello che si accinge a ricoprire, a capo di una struttura fondamentale e molto attesa quale è ItaliaMeteo. L’Italia si dota di un servizio meteorologico nazionale, che andrà a coordinare le tante competenze oggi affidate a diversi enti. Tra questi, alcune nostre Agenzie per l’ambiente e non a caso Cacciamani ha maturato una parte significativa della sua lunga esperienza anche in Arpae Emilia-Romagna”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.