Droni, nasce la Rete dei Centri di Competenza della Protezione Civile

801

Le agenzie ambientali regionali di Calabria, Lombardia e Valle d’Aosta e l’Ispra sono entrate a far parte della Rete dei Centri di Competenza della Protezione Civile che effettuano attività di ricerca applicata e servizi di protezione civile e ambientale con i droni.

La Rete è nata ufficialmente lo scorso 24 settembre e conta altre cinque strutture: il Centro per la protezione civile dell’Università degli Studi di Firenze, il Consiglio nazionale delle ricerche, la Fondazione CIMA, la Fondazione EUCENTRE e l’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia.

L’obiettivo è quello di raccogliere e mettere a sistema i servizi tecnici offerti nell’ambito del Servizio nazionale di Protezione civile dai Centri che hanno unità droni interne, in modo tale da standardizzarne la definizione e favorirne l’inquadramento all’interno del sistema di intervento.

Il coordinamento si prefigge anche il compito di suggerire indicazioni operative adeguate alle operazioni e agli interventi tecnici in emergenza, che possano essere utilizzati per la definizione del quadro normativo in materia.

Nel complesso, le risorse della Rete, in termini di attività, staff e mezzi, rappresentano un potenziale che solo a livello strumentale conta più di 100 velivoli e 100 piloti, in gran parte abilitati alle operazioni specializzate critiche.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.