Un’aria migliore per il bacino padano

Nel servizio pubblicato su Ecoscienza 3/2020, un approfondimento sulla necessità di un approccio integrato di azioni trasversali per migliorare la qualità dell'aria.

1069

Nonostante il miglioramento sul lungo periodo della qualità dell’aria nelle regioni del bacino padano, l’area resta una delle più problematiche per una serie di motivazioni che si intersecano (densità abitativa, presenza di attività industriali e produttive in genere, agricoltura e allevamenti intensivi, diffusione di impianti di riscaldamento a biomasse, conformazione geografica e condizioni meteo-climatiche).

Il progetto Life Prepair, che ha lo scopo di studiare approfonditamente la situazione e fornire indicazioni conseguenti ai decisori politici, evidenzia la necessità di un approccio integrato, che porti avanti azioni trasversali su tutti i settori e su larga scala.

Il servizio di Ecoscienza sulla qualità dell’aria presenta un’analisi del contributo delle emissioni di ammoniaca (principalmente provenienti da zootecnia e uso dei relativi reflui in agricoltura) all’inquinamento atmosferico complessivo.

Le misure di contenimento della pandemia di Covid-19 hanno fornito una situazione inedita per lo studio degli impatti antropici sulla qualità dell’aria, di cui nel servizio si forniscono i primi risultati. A questi si aggiunge un’analisi puntuale dei dati di qualità dell’aria nel periodo invernale 2019/2020 (da ottobre a marzo) in tutte le regioni del bacino padano. Se l’ultimo mese preso in analisi è stato segnato dall’effetto lockdown, l’andamento della stagione era stato sostanzialmente in linea con il trend di leggero miglioramento della qualità dell’aria. Sono stati comunque registrati numerosi superamenti dei limiti normativi giornalieri, sopratutto nei centri urbani, collegati a situazioni meteorologiche favorevoli all’accumulo di inquinanti in atmosfera e alla formazione di particolato secondario.

Gli articoli pubblicati

Scenari di qualità dell’aria nel bacino padano 
Marco Deserti1, Katia Raffaelli1, Michele Stortini2
1. Regione Emilia-Romagna, Direzione generale Cura del territorio e dell’ambiente
2. Arpae Emilia-Romagna

Aria e lockdown, l’analisi nel bacino padano 
Gruppo di lavoro Life Prepair

Progetto Life Prepair: a che punto siamo 
Katia Raffaelli1, Alberto Suppa2
1. Regione Emilia-Romagna, Direzione generale Cura del territorio e dell’ambiente
2. Regione Lombardia, Direzione generale Ambiente e clima

Ammoniaca e formazione di particolato secondario 
Guido Lanzani1, Luca D’Angelo1, Eleonora Cuccia1, Lorenza Corbella1, Umberto Dal Santo1, Cristina Colombi1, Andrea Algieri1, Elena Bravetti1, Matteo Lazzarini2, Gian Luca Gurrieri2, Vanes Poluzzi3, Silvia Ferrari3, Dimitri Bacco3, Marco Deserti4
1. Settore Monitoraggi ambientali, Arpa Lombardia
2. Regione Lombardia
3. Arpae Emilia-Romagna
4. Regione Emilia-Romagna
Si ringrazia Francesco Lollobrigida (Arpa Piemonte) per aver reso disponibili i dati e i filtri della stazione di Torino

“Valuta l’aria”, un’indagine sulla percezione dei cittadini 
Marco Ottolenghi, Michele Bartolomei
Coordinamento comunicazione progetto Life Prepair, Art-ER
I risultati dell’indagine sono disponibili sul sito web Prepair, Pagina Facebook: www.facebook.com/ lifeprepair

Pair2020 in Emilia-Romagna, il monitoraggio intermedio 
Lucia Ramponi, Carmen Carbonara, Silvia nocenti, Marco Deserti
Regione Emilia-Romagna

Un episodio di dust storm dal Caspio al nord Italia 
Luca Torreggiani, Arianna Trentini, Michele Stortini, Vanes Poluzzi, Marco Ballabeni, Barbara Arvani, Tiziana Bacci
Arpae Emilia-Romagna

Inverno 2019-2020, i dati del PM10 in Piemonte 
Stefano Bande, Francesco Lollobrigida, Secondo Barbero
Arpa Piemonte, Dipartimento Rischi naturali e ambientali

Effetto lockdown, un’analisi sui dati piemontesi di marzo 
Stefano Bande, Francesco Lollobrigida, Secondo Barbero
Arpa Piemonte, Dipartimento Rischi naturali e ambientali

Inquinanti in diminuzione in Lombardia 
Anna Di Leo, Guido Lanzani
U.O. Qualità dell’aria, Settore Monitoraggi ambientali, Arpa Lombardia

L’aria nella provincia autonoma di Trento 
Gabriele Tonidandel
Provincia autonoma di Trento, Agenzia provinciale per la protezione dell’ambiente
U.O. Tutela dell’aria e agenti fisici

L’andamento del PM10 nei capoluoghi del Veneto 
Giovanna Marson, Luca Zagolin, Salvatore Patti
Osservatorio regionale Aria Arpa Veneto

Aria sostanzialmente buona in Friuli Venezia Giulia 
Fulvio Stel

In Emilia-Romagna prosegue il trend di miglioramento 
Vanes Poluzzi, Chiara Agostini, Simona Maccaferri
Arpae Emilia-Romagna

servizio_qualità_aria_es_3_2020

Vai a Ecoscienza hp
Vai a Ecoscienza 3/2020

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.