Dallo studio sul lockdown riflessioni per una migliore qualità dell’aria nelle nostre città

795

Il blocco della circolazione e delle attività di interi settori produttivi dovuti alle misure di contenimento dell’epidemia Covid-19, ha determinato condizioni ambientali uniche ed irripetibili che hanno consentito ad Arpa FVG di realizzare uno studio sugli effetti del lockdown in rapporto alla qualità dell’aria.

Lo studio – realizzato anche grazie al progetto europeo PREPAIR – prende in considerazione una serie articolata di dati e informazioni nei tre mesi di blocco, dalle variazioni nella mobilità (v. figura) ai livelli di inquinamento atmosferico, dalla riduzione delle emissioni degli inquinanti alle variabilità del meteo.

Nello studio viene evidenziato come la drastica chiusura di alcuni settori della società e l’azzeramento delle relative emissioni abbia portato effettivamente ad una riduzione nelle concentrazioni dei principali inquinanti dell’aria. Tuttavia, il lockdown non è stato risolutivo per tutti gli inquinanti che, anche in Friuli Venezia Giulia, presentano ancora degli elementi di criticità, come ad esempio le polveri sottili.

Le misure emergenziali a livello regionale hanno complessivamente prodotto riduzioni nelle emissioni degli ossidi di azoto (circa -25%), seguiti dall’anidride carbonica (circa -19%) e dal monossido di carbonio (circa -16%); minori sono risultate le riduzioni nelle emissioni di ammoniaca (circa -3%) e di materiale particolato (circa -8%).

Di conseguenza, le stazioni di monitoraggio regionali, hanno misurato un deciso calo delle concentrazioni in aria di biossido di azoto (circa -40% rispetto agli anni precedenti) e una altrettanto marcata riduzione nelle concentrazioni del benzene.

Le polveri sottili hanno presentato un calo decisamente meno rilevante (pari o inferiore al 10%) e fluttuazioni più marcate, mentre per l’ozono – inquinante fortemente legato alla radiazione solare e dunque molto variabile tra un anno e l’altro – non sono state rilevate variazioni evidenti rispetto agli anni precedenti.

Nello studio Arpa i dati raccolti nel periodo del lockdown sono stati utilizzati anche per valutare l’efficacia di alcuni indicatori combinati. In particolare, il rapporto toluene/benzene in corrispondenza del lockdown è calato vistosamente, da valori tipici del traffico veicolare a valori caratteristici della combustione di legna. L’analisi granulometrica delle polveri sottili ha palesato, invece, una riduzione della risospensione della frazione grossolana del particolato dovuta al transito di veicoli.

Per quanto riguarda i metalli presenti nelle polveri sottili (sempre in basse concentrazioni anche prima del lockdown) lo studio evidenzia un significativo calo di antimonio e rame, originati prevalentemente dall’usura dei freni dei veicoli. Infine, lo studio rileva nel PM10 la riduzione degli idrocarburi policiclici aromatici (IPA) associati ai trasporti, che fa risaltare quelli invece legati alla combustione domestica.

Complessivamente, lo studio Arpa mostra come la riduzione strutturale e sistematica dell’inquinamento atmosferico non possa avvenire agendo solamente, ancorché in maniera drastica, su uno o pochi settori produttivi come è avvenuto durante il lockdown.

Una riduzione efficace può avvenire invece solamente agendo in maniera coordinata su tutte le tipologie di sorgenti di inquinanti.

Da tutto quanto sopra, per il conseguimento degli obiettivi posti a tutela della qualità dell’aria e dell’ambiente, discendono orientamenti e riflessioni per attuare un modello di sviluppo orientato alla sostenibilità, che tenga conto sia delle nuove e migliori tecnologie, sia delle scelte individuali.

Report_Lockdown_ARPAFVG_Approvato

Studio Effetti sulla matrice ambientale ARIA delle azioni di contenimento del COVID-19

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.