Un inverno molto mite e intense gelate primaverili

Anche in Emilia-Romagna l’inverno è risultato tra i più miti degli ultimi 60 anni, in linea con la tendenza al riscaldamento globale osservata. Anche l’aumento di variabilità climatica su scala mensile osservato su scala globale trova un riscontro in regione in un successivo mese di marzo particolarmente freddo caratterizzato da estese gelate tardive. In anteprima l´articolo che sarà pubblicato in Ecoscienza 2/2020.

872

L’inverno 2020 in Emilia-Romagna è stato in media il più mite dal 1962, a pari merito con quello del 2007. L’anomalia termica media regionale rispetto al clima 1961-1990 per l’inverno appena concluso (1 dicembre 2019-29 febbraio 2020) è stata di 6,0 °C, pari a quella del 2007 e di poco superiore ai 5,8 °C del 2014. Nel complesso, gli inverni degli ultimi dieci anni (2011-2020) sono stati in media i più caldi rispetto a quelli dei cinque decenni precedenti. Infine la temperatura media invernale negli anni dal 1962 al 1990 era di 2,7 °C, contro i 4,1 °C degli ultimi dieci inverni (2011-2020), un cambiamento molto drastico… Leggi l’articolo integrale

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.