Continuano le donazioni Arpacal per chi combatte in prima linea l’emergenza Covid-19

138

Non si ferma la gara di solidarietà dell’Arpacal per sostenere gli ospedali della Calabria impegnati nella lotta al coronavirus. Dopo le prime donazioni avvenute a Cosenza e Catanzaro e Reggio Calabria, anche i dipartimenti provinciali di Vibo Valentia e Crotone dell’Agenzia ambientale calabrese hanno voluto dare il loro contributo in termini di donazione di DPI per il personale sanitario che nei nosocomi delle province calabresi stanno lottando contro la diffusione del coronavirus.
Così, tra oggi e l’altro ieri, dopo gli opportuni contatti istituzionali con le direzioni sanitarie degli ospedali beneficiari e delle aziende sanitarie, il personale dei nosocomi San Giovanni di Dio di Crotone e del servizio 118 dell’Asp di Vibo Valentia hanno ritirato il materiale presso i dipartimenti provinciali Arpacal.
Per il dipartimento di Crotone ha coordinato le operazioni il direttore dr. Rosario Aloisio, e per Vibo Valentia il direttore del locale dipartimento provinciale Arpacal, dr. Clemente Migliorino.
Complessivamente, l’Arpacal ha donato agli ospedali calabresi 640 camici, 1700 calzari, 1300 tute, 3000 guanti, 24 mascherine FPP2 e 30 mascherine FPP3.
“Facciamo il possibile, se necessario oltre il ruolo istituzionale che ci compete – ha dichiarato il Direttore generale Arpacal, dott. Domenico Pappaterra – per dare una mano alla nostra terra per resistere e sconfiggere questa pandemia. Sono piccoli e concreti gesti, totalmente ondivisi da tutto il personale dell’Agenzia, per manifestare la nostra solidarietà a chi è in prima linea. Sul fronte tecnico scientifico stiamo fornendo il nostro contributo alla Regione Calabria, anche portando nella nostra realtà regionale le linee guida che il Sistema nazionale a rete per la protezione ambientale redige per contribuire ad una migliore risposta del Sistema Italia a questa emergenza Covid-19”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.