Operativo a Cagliari il nuovo Centro di Monitoraggio Aerobiologico di Arpa Sardegna

L’attività in campo aerobiologico di ARPA Sardegna si arricchisce di un nuovo punto di monitoraggio. Dal dicembre 2019, è infatti, attivo il nuovo Centro Aerobiologico situato nella città di Cagliari che va ad aggiungersi agli altri due Centri presenti in Sardegna localizzati entrambi nella città di Sassari.

538

L’attività in campo aerobiologico di Arpa Sardegna si arricchisce di un nuovo punto di monitoraggio. Dal dicembre 2019, è infatti, attivo il nuovo Centro Aerobiologico situato nella città di Cagliari. Il Centro è collocato presso la sede del Dipartimento Cagliari e Medio Campidano e del Servizio Laboratorio Cagliari di ARPAS in Viale Francesco Ciusa e costituisce l’unico punto di monitoraggio presente attualmente nel Sud Sardegna. Il campionatore di tipo volumetrico è posizionato sul terrazzo della suddetta sede (Figura 1), ad un’altezza dal suolo di circa 15 metri (20 m s.l.m.). Il territorio circostante fa parte dell’area urbana della città nel quartiere Fonsarda dove sono presenti vaste aree verdi come il parco di Monte Claro (Figura 2). Nella zona sono diffuse numerose specie vegetali arboree tra cui pini, cipressi, robinie, acacie, olivi, ficus, bagolari, gelsi oltre a specie erbacee e arbustive tipiche.

Figura 1 – Campionatore volumetrico posizionato sul terrazzo del Dipartimento Cagliari e Medio Campidano e del Servizio Laboratorio Cagliari di ARPAS

Il Centro aerobiologico di Cagliari va ad aggiungersi agli altri due Centri già presenti in Sardegna e operativi dal gennaio 2015, localizzati nella città di Sassari; quello periferico di proprietà ARPAS e quello urbano gestito dall’Istituto per la BioEconomia (IBE) del CNR.

In tutti i Centri della Rete Sarda il monitoraggio viene effettuato seguendo le indicazioni della Norma UNI EN 16868/2019 e delle Linee Guida POLLnet del Sistema Nazionale per la Protezione dell’Ambiente (SNPA). I campionamenti vengono eseguiti con cadenza settimanale durante tutto l’anno e permettono di rilevare le concentrazioni medie giornaliere (particelle per metro cubo d’aria, p/m3) dei principali pollini e spore aerodispersi. Sono monitorati sia i pollini che le spore maggiormente allergenici, sia diversi altri taxa di minore o scarsa rilevanza clinica, ma che essendo diffusi negli areali esaminati possono essere utili per studi legati ai cambiamenti climatici, alla biodiversità o alla fitopatologia. Dal mese di novembre 2019 per i due Centri di Sassari oltre alle informazioni sui dati misurati è presente anche la previsione aerobiologica per la settimana in corso.

Figura 2. Particolare del Parco di Monte Claro adiacente alla collocazione del campionatore aerobiologico

I centri di monitoraggio attivi in Sardegna appartengono alla rete RIMA dell’Associazione Italiana di Aerobiologia (AIA). I Centri ARPAS di Sassari e Cagliari fanno anche parte della rete POLLnet che rappresenta la rete di monitoraggio del Sistema Nazionale per la Protezione dell’Ambiente (SNPA).

Tutte le informazioni più recenti sulle concentrazioni polliniche e fungine, corredate di grafici e commenti ai dati, sono consultabili nel sito del Dipartimento MeteoClimatico di ARPAS. Nella sezione Aerobiologia sono, inoltre, consultabili i bollettini aerobiologici storici, i calendari pollinici e i vari report annuali.

A cura del Servizio Meteorologico Agrometeorologico ed Ecosistemi del Dipartimento Meteoclimatico di Arpa Sardegna con la collaborazione del Dipartimento Cagliari e Medio Campidano e Servizio Laboratorio Cagliari di ARPA Sardegna e dell’Istituto CNR-IBE.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.