Scuole plastic free: il cambiamento voluto e generato dai ragazzi

Grazie al progetto di educazione ambientale Scuole e Città Plastic Free, l’Istituto Centro Storico Pestalozzi di Firenze è stato selezionato per la manifestazione di apertura dell'anno scolastico 2019-2020 a L'Aquila, alla presenza del Capo di Stato

207

L’Istituto Comprensivo Centro Storico Pestalozzi di Firenze ha realizzato un percorso di educazione ambientale riguardante la problematica dei rifiuti in plastica dal titolo “Scuole e città Plastic Free”, in continuità con il precedente “No More PLastic Please”, già vincitore del primo premio al Concorso Waste Virtual Tour, promosso da Alia e Comune di Firenze.

Tra gli obiettivi che il percorso “Scuole e Città Plastic Free” ha voluto perseguire, attraverso una didattica prevalentemente laboratoriale e tecniche di apprendimento cooperativo, troviamo la consapevolezza del ruolo di ciascun individuo nella riduzione dei rifiuti e quindi lo sviluppo di comportamenti ed azioni responsabili da parte dei ragazzi. Molti altri gli obiettivi che sono stati perseguiti, come l’incremento delle competenze digitali, nonché di quelle espressive verbali e non verbali, quelle inerenti il metodo scientifico e di disseminazione delle informazioni; lo sviluppo della cooperazione fra pari, di comportamenti assertivi e della capacità di rispettare, ascoltare, comprendere gli altri; l’incremento dell’autonomia del singolo nel gruppo e della consapevolezza delle proprie capacità, possibilità e responsabilità; il potenziamento della capacità di valutare ed analizzare le situazioni e di trovare possibili soluzioni.

Queste, in sintesi, le attività svolte nell’ambito del progetto educativo:

  • percorso didattico, in tre classi della Scuola secondaria di primo grado Carducci, inerente la problematica dei rifiuti di plastica in Europa e le direttive europee in merito;
  • gli alunni delle tre classi hanno riportato quanto appreso alle altre classi dell’Istituto comprensivo;
  • alunni rappresentanti hanno scritto una lettera al Sindaco Dario Nardella per informarlo del progetto e chiedergli di emettere un’ordinanza per rendere Firenze Plastic Free;
  • collaborazione con le associazioni Greenpeace e WWF, al fine di stilare alcune proposte per rendere la scuola e la città di Firenze Plastic Free;
  • alunni rappresentanti hanno esposto ed argomentato in tavola rotonda le loro proposte “Firenze Plastic Free” all’Assessora all’Ambiente Alessia Bettini e “Scuola Plastic Free” ai dirigenti e referenti di plesso della scuola. Nei documenti gli alunni hanno proposto borracce al posto dei distributori di bottiglie di plastica, cialde e tazzine lavabili per le macchinette del caffè, maggiore pubblicità per i fontanelli comunali, contenitori riutilizzabili con merendine sfuse all’interno, sconti sulla TARI per i negozianti Plastic Free, isole ecologiche dove in cambio di rifiuti di plastica si ricevano sconti sulla tari o buoni spesa, il ritorno del vuoto a rendere e non ultimo di essere finalmente ascoltati e resi protagonisti delle decisioni inerenti il loro futuro;
  • manifestazione pubblica per le strade di Firenze di alunni e docenti dell’Istituto Comprensivo con magliette, striscioni e costumi di animali creati in classe (uccelli, tartarughe, balene, orsi polari etc), a tema plastic free (a fianco un’immagine del momento conclusivo della manifestazione in piazza Santa Croce);
  • alunni rappresentanti sono saliti sul palcoscenico del Festival Nazionale dell’Economia Civile, durante la diretta streaming, ed hanno lanciato un appello ai cittadini, ai sindaci e ai manager delle Multinazionali.

Non ultimo per importanza, nell’ambito del progetto i ragazzi hanno ideato e realizzato un video spot educativo che riassume le attività svolte e racconta la storia (fiction) di un manager di una multinazionale che produce acqua minerale e bibite. Il manager, dopo aver capito che il futuro del figlio dipende anche dalle sue azioni, preferirà le bottiglie di vetro (con vuoto a rendere) rispetto a quelle di plastica. Il video è stato diffuso online e ha vinto il primo premio al Festival Sociale Internazionale Artelesia 2019 nella sezione School&University.

Il progetto, infine, è stato selezionato dal MIUR tra i progetti nazionali di rilevanza educativa ed è stato presentato durante la manifestazione di apertura dell’anno scolastico 2019-2020 a L’Aquila, alla presenza del Capo di Stato.

Il percorso educativo ha prodotto i suoi primi risultati con l’adesione, da parte del Dirigente scolastico, del documento “Scuola Plastic Free” redatto dagli alunni e la conseguente dichiarazione dell’Istituto quale “scuola Plastic Free” a partire dal 29 marzo 2019: una decisione che rende finalmente protagonisti i ragazzi e le loro proposte.

La scuola continuerà il suo impegno nel campo ambientale, partecipando con otto classi della scuola media ‘Carducci’ al progetto di educazione ambientale e citizen science Cleanair@school, in collaborazione con Arpa Toscana ed il Snpa.

Testo a cura di Maddalena Bavazzano

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.