Reati contro l’ambiente: aumenta la sensibilità, ma occorre tenere alta l’attenzione

Le interviste a Morena Plazzi, Procuratore aggiunto a Bologna, e a Rosanna Casabona, sostituto Procuratore a Messina, pubblicate in Ecoscienza 4/2019 nel servizio su diritto e ambiente.

164

Con la legge 68/2015 sono cambiati strumenti e modalità di contrasto agli illeciti in campo ambientale. Serve un innalzamento del livello di preparazione della polizia giudiziaria. L’accordo in Emilia-Romagna tra procure, forze di polizia e Arpae è un esempio positivo della necessaria collaborazione tra istituzioni.

Leggi l’intervista a Morena Plazzi 
Procuratore aggiunto, Procura della Repubblica presso il Tribunale di Bologna


La legge di riforma dei reati ambientali fornisce a investigatori e magistratura maggiori strumenti di protezione della salute e dei beni naturali. Sono auspicabili azioni di formazione in rete e accordi con le agenzie ambientali per un migliore contrasto al crimine ambientale.

Leggi l’intervista a Rosanna Casabona
Sostituto Procuratore, Procura della Repubblica presso il Tribunale di Messina

Vai a Ecoscienza 4/2019, presentazione numero

Vai a Ecoscienza 4/2019/ tutti gli articoli

Scarica Ecoscienza 4/2019 (pdf)

Vai a Ecoscienza hp

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.