Campi elettromagnetici, il Catasto nazionale e i Catasti regionali delle sorgenti

È in via di realizzazione il catasto nazionale dei campi elettromagnetici (Cem); le esperienze dell'Emilia-Romagna e della Valle d'Aosta per la realizzazione dei catasti regionali. Gli articoli in Ecoscienza 4/2019 nel servizio dedicato al 5G.

153

Recentemente riprogettato per rispondere alle esigenze normative, è in via di realizzazione il Catasto nazionale dei campi elettromagnetici (Cem). Il Catasto permette la raccolta delle informazioni necessarie per le attività di monitoraggio e controllo ambientale. Alimentato dai dati provenienti dai Catasti regionali, è stato recentemente riprogettato per rispondere alle esigenze normative. 
Leggi l’articolo in Ecoscienza 4/2019.

Autori/autrici: Gabriele Bellabarba, Carlo Cipolloni, Antonio Scaramella, Luisa Vaccaro
Ispra
________

Un unico catasto per l’Emilia-Romagna
Il catasto regionale Cem dell’Emilia-Romagna è totalmente allineato al catasto nazionale e oggi è l’unico database regionale per impianti di telefonia mobile, radio-tv ed elettrodotti. Garantisce inoltre l’accessibilità delle informazioni ambientali al pubblico e ai soggetti istituzionali interessati. Leggi l’articolo in Ecoscienza 4/2019:

Autori/autrici: Piero Santovito1, Laura Gaidolfi1, Alfonso Albanelli2, Tanya Fontana2, Catia Godoli2
1. Arpae Emilia-Romagna – 2. Regione Emilia-Romagna
________

Prevenzione e controllo a tutela dei cittadini in Emilia-Romagna, il supporto di Arpae per integrare dati e informazioni nel catasto regionale
L’agenzia ambientale dell’Emilia-Romagna ha sempre garantito il supporto agli enti locali per le attività di autorizzazione e controllo delle sorgenti di campi elettromagnetici. Tutte le informazioni derivanti da Valutazioni preventive, rilievi strumentali e monitoraggio in continuo si integrano nel catasto regionale.
Leggi l’articolo di Laura Gaidolfi (Arpae Emilia-Romagna) in Ecoscienza 4/2019:

_______

Il catasto Cem in Valle d’Aosta
La Regione autonoma Valle d’Aosta ha istituito, in collaborazione con Arpa, il catasto delle sorgenti a radiofrequenza Sirva, uno strumento che permette di seguire il ciclo di vita di tutti gli impianti e di gestire le pratiche autorizzative e i controlli. Inoltre, Arpa ha sviluppato un data base sugli elettrodotti.
Leggi l’articolo in Ecoscienza 4/2019:

Autori/autrici: Valeria Bottura, Erik Imperial, Leo Cerise, Marco Cappio Borlino
Arpa Valle D’Aosta

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.