Il punto sulla balneabilità in Campania dopo i primi prelievi di settembre

87

Con i controlli del mese di settembre ci si avvia al termine delle attività in mare condotte da Arpac per la stagione balneare in corso. Durante la prima settimana di questo mese sono stati prelevati, con i mezzi nautici di proprietà dell’Agenzia, 220 campioni. In totale sono 2354 i prelievi eseguiti dall’inizio della stagione balneare.

Rispetto ai mesi precedenti sono aumentati gli esiti sfavorevoli delle analisi microbiologiche sugli indicatori di contaminazione fecale (Escherichia coli ed Enterococchi intestinali).

In questi primi giorni di settembre i divieti temporanei hanno interessato un totale di 15 acque di balneazione, quasi tutte in provincia di Napoli. I superamenti dei limiti di legge hanno riguardato l’isola di Ischia in alcune aree dei comuni di  Lacco Ameno (acque di balneazione denominate “Santa Restituta”, cod.IT01506338002 e “Fundera”, cod.IT01506338003), Forio (“Chiaia”, cod.IT01506331004 e “Citara”,  cod.IT01506331006); inoltre la Penisola sorrentina nei comuni di   Sorrento (“Capo Sorrento”, cod. IT01506380007), Massa Lubrense (“San Montano” cod. IT01506344002),  Vico Equense (“Vico Equense” cod. IT015063024004) e Sant’Agnello (“Punta San Francesco”, cod.IT015063071002); infine l’area flegrea nei comuni di Bacoli (“Spiaggia Romana-Colonia Vescovile”) e Pozzuoli (“Lido di Licola”, “Stabilimento Balneare”, “Stazione Marina di Licola”, “Effluente nord Depuratore di Cuma” e “Collettore di Cuma” sia nel punto routinario che in quello di studio).

Nel Salernitano, per i controlli fino ad oggi effettuati in questo mese, solo per il comune di Sapri, nell’acqua di balneazione denominata “Cammarelle”, avente codice IT015065134001, sono stati superati i valori limite di legge.

Allo scopo di individuare le possibili cause di inquinamento sono in corso degli approfondimenti con le Amministrazioni comunali competenti. In queste acque di balneazione sono stati già effettuati alcuni prelievi aggiuntivi e altri sono stati programmati.

Nel comune di Pozzuoli fino alla Spiaggia Romana di Bacoli, la probabile causa di inquinamento che ha fatto registrare gli esiti sfavorevoli è da ricondurre allo scarso rendimento dell’impianto di depurazione di Cuma, in quanto interessato da importanti lavori di ristrutturazione.

Per quel che concerne l’isola di Ischia, il comune di Vico Equense e quello di Sapri, i divieti temporanei possono essere, come prima ipotesi, correlati alle piogge che hanno caratterizzato i primi giorni di settembre mettendo in risalto, ancora una volta, la criticità infrastrutturale costituita dalla rete fognaria di tipo misto. Infatti, nei sistemi misti, sono convogliate le acque piovane con quelle fognarie. Questo porta all’attivazione dei cosiddetti “tubi di troppo pieno”, ovvero degli sfoghi che scaricano direttamente in mare le acque in eccesso presenti nelle tubature o nei collettori dove normalmente scorrono le acque di fogna e che vengono inondati dalle acque di pioggia nel momento in cui si verifica un temporale.

Per gli sforamenti registrati nella Penisola sorrentina non sono state ancora individuate probabili cause di inquinamento, in particolare per il Comune di Sorrento dove il tratto di costa interessato è di natura rocciosa con assenza di apporti inquinanti provenienti da terra; il tratto in questione del resto non aveva mai fatto registrare valori fuori norma.

Al di là dei prelievi di routine previsti dal calendario, campionamenti in emergenza sono stati effettuati su richiesta della Guardia Costiera nelle acque antistanti i litorali di Torre Annunziata, Licola, Giugliano, Castelvolturno e Sant’Agnello. In quest’ultimo caso è stata segnalata, dall’Autorità Marittima, la presenza di una chiazza di idrocarburi, non riscontrata al momento del sopralluogo da parte dei tecnici Arpac, ma avvistata dagli stessi il giorno successivo mista a schiuma: qui i prelievi hanno dato esito sfavorevole alle analisi microbiologiche.

Come di prassi anche in questo mese, contestualmente alle attività di campionamento, è stata alta l’attenzione agli avvistamenti di fenomeni particolari come larghe chiazze di schiuma, colorazione, meduse, rifiuti ed altro.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.