Arpa Campania e Ospedale San Pio insieme contro la legionellosi

L’azienda ospedaliera di Benevento e l’agenzia ambientale campana collaborano alla prevenzione del “morbo del legionario”. Di recente è stato rinnovato l’accordo che prevede controlli negli impianti del nosocomio sannita.

250

Arpa Campania ha rinnovato la convenzione con l’azienda ospedaliera San Pio di Benevento per monitorare l’eventuale presenza di legionella negli impianti del nosocomio sannita. L’accordo, che ha durata annuale, è stato stipulato per la prima volta nel 2003 e da allora ha contribuito ad evitare che si verificassero casi di legionellosi contratta nell’ospedale stesso.

In virtù della convenzione  l’Agenzia regionale per la protezione ambientale della Campania effettuerà nell’ospedale sannita 230 indagini in un anno, di cui 200 su campioni di acqua e 30 in campioni di aria, biofilm, sedimenti, e altre matrici, con possibilità di ulteriori analisi secondo necessità. Lo scopo è controllare se nelle condutture e in altri siti a rischio possa annidarsi la legionella, il batterio responsabile della malattia infettiva nota come “morbo del legionario”, che in casi particolari può avere esiti letali.

Il rinnovo della convenzione è stato siglato dal direttore generale dell’AO San Pio, Renato Pizzuti, e dal commissario straordinario Arpac, Stefano Sorvino. L’Agenzia, con il suo Laboratorio di riferimento regionale per la legionellosi, diretto da Anna Maria Rossi, situato a Salerno, collabora alla sorveglianza ambientale preventiva della legionella in diverse strutture sanitarie campane, tra cui le aziende ospedaliere Giuseppe Moscati di Avellino e Ruggi di Salerno, i presìdi ospedalieri e le strutture sanitarie assistenziali delle Asl di Salerno e di Avellino.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.