La caratterizzazione dei bacini vulcanici laziali

331

Nel novembre 2009 fu rilevato da Arpa Lazio, in un campione di sedimenti del lago di Vico, i superamenti dei limiti di legge per i parametri Cadmio, Nichel e Arsenico.

In un articolo pubblicato nel Rapporto Ambiente SNPA Edizione 2018, sono descritte le successive attività svolte per la caratterizzazione dei sedimenti lacustri, anche in collaborazione con alcune Università e istituti del CNR.

Gli studi hanno preliminarmente ipotizzato le possibili sorgenti di contaminazione sia naturali che antropiche con riferimento:
• al contesto litogeologico e idrogeologico di costituzione sito;
• alle attività agricole, principalmente coltivazione del nocciolo, con relativo utilizzo di fitofarmaci e nutrienti;
• agli insediamenti turistico-residenziali presenti sulle sponde del lago;
• al laboratorio di caricamento e deposito di armamenti militari speciali in cui venivano conservati iprite ed altre armi chimiche (ex Magazzino Materiali Difesa NBC), a cavallo delle due guerre.

E’ stata quindi effettuata una campagna di indagine, finalizzata alla caratterizzazione delle matrici suolo e sottosuolo, acque superficiali, sotterranee e sedimenti lacustri, descritta in dettaglio nell’articolo, con la valutazione dei relativi risultati.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.