C’è ma non si vede: è partito il progetto SOUNDSCAPE sull’inquinamento acustico in Alto Adriatico

210

Il nostro orecchio non è fatto per percepire rumori sott’acqua e ci dà l’impressione che l’acqua li attutisca; al contrario, la propagazione del suono in mare è molto più veloce che in aria. E’ stato già comprovato da studi in diversi mari del mondo che l’inquinamento acustico marino ha conseguenze molto negative sull’intero ecosistema e soprattutto su chi lo abita.

Con un recente meeting tenutosi a Spalato (Croazia) è iniziato ufficialmente il progetto europeo, finanziato dal programma Interreg Italia-Croazia, “SOUNDSCAPE: Paesaggi sonori nel Mare Adriatico settentrionale e il loro impatto sulle risorse biologiche marine“, al quale partecipa anche Arpa FVG.

Tale progetto prevede la creazione di una cooperazione scientifica e istituzionale transfontaliera per monitorare in maniera sistematica, tramite boe dotate di idrofoni, il rumore subacqueo nell’Alto Adriatico sia nelle acque italiane che croate. L’obiettivo è di misurare e mappare l’apporto delle attività antropiche (piattaforme, traffico nautico, turismo costiero ecc..) al clima acustico subacqueo e valutarne il  potenziale impatto sulle specie marine, soprattutto quelle a rischio, al fine di elaborare un piano per l’ uso sostenibile delle risorse marine e costiere che non danneggi l’ecosistema marino.

Il progetto vede come capofila l’Istituto di Oceanografia e Pesca (IOF) di Spalato, come partner croati il Ministero Croato dell’Ambiente e dell’Energia (MEE), il Blue World Institute (BWI) di Lussino e l’Istituto per la Salute Pubblica di Fiume (TIPH), e come partner italiani, oltre ad Arpa FVG, il CNR-ISMAR di Venezia, la Fondazione Cetacea di Riccione e la Regione Marche.

In particolare, Arpa FVG contribuirà al progetto apportando la propria esperienza e le proprie conoscenze maturate in campo oceanografico e in diversi anni di monitoraggio dedicato al rumore ambientale subacqueo nel golfo di Trieste.

Grazie a SOUNDSCAPE tale background potrà ampliarsi notevolmente, con registrazioni che da puntuali si potranno sviluppare sul lungo termine, fornendo una visione a tutto tondo del clima acustico locale e indagando su finestre temporali e spaziali prima difficilmente monitorabili.

L’inquinamento acustico marino non è mai stato misurato in Adriatico prima d’ora e questo progetto, della durata di 2 anni, fornirà un importantissimo punto di partenza per ulteriori scoperte scientifiche e soprattutto per la progettazione di un piano di gestione sostenibile degli ecosistemi marini e costieri. Il modello base è già stato utilizzato con successo nel Mare del Nord.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.