La scienza, diritto universale dell’uomo

41

«Ogni persona ha diritto di prendere parte liberamente alla vita culturale della comunità, di godere delle arti e di partecipare al progresso scientifico ed ai suoi benefici».

In altri termini, la scienza e i suoi benefici sono un diritto inalienabile di tutti i cittadini del pianeta Terra.

Così recita l’articolo 27 comma 1 della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo che quest’anno compie 70 anni, essendo stata firmata a Parigi nel 1948 in sede di Nazioni Unite.

Quello alla scienza è dunque considerato un diritto inalienabile dell’uomo. Al pari del diritto di parola o alla salute o all’istruzione. Un diritto necessario allo sviluppo della personalità di tutti e di ciascuno.

Un articolo di Micron affronta ampiamente questo argomento, prendendo spunto da alcuni interventi pubblicati su varie riviste americane

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.