CAPTOR: inquinamento atmosferico e citizen science

511

14_11_2018_CAPTOR_MI_LUFTDATEN

Silvio Heinze (Lufdaten.at)

14_11_2018_CAPTOR_MI_NO2NOGRAZIE

Anna Gerometta (Cittadini per l’Aria)

14_11_2018_CAPTOR_MI_SPEEDTALK

Barbara Kieslinger (ZSI)

15_11_18_Captor_M_Poggio_

Andrea Poggio (Legambiente)

15_11_18_CAPTOR_MI_Tutino

Francesco Tutino (Comune di Bologna)

2018-11-15 Presentation CAPTOR Milan

Jeans Muller (T&E)

2 Commenti

  1. Secondo ARPA Lombardia, a Milano si ha un 43% di emissioni derivanti dal trafficio veicolare. Secondo la Ricerca Sistemi Energetici spa, società pubblica, ontrollata dal Ministero dell’Economia: http://www.rse-web.it/focus/Inquinamento-particolato-fine-area-padana.page , “L’intero comparto “trasporto su auto” privato contribuisce per il 14% delle concentrazioni di PM2.5 medie annue nella città di Milano ed è determinato sia da emissioni dirette, sia dalla trasformazione dei precursori gassosi, sempre emessi dai veicoli. L’8% di questo dato è provocato dalle auto in circolazione a Milano. Il resto, 6%, da contributi che si generano fuori dalla città e che ricadono sull’ambito urbano: 2% da auto che circolano in Provincia di Milano, 3% da auto che circolano nel resto della Lombardia, 1% o poco più, dalle auto che circolano fuori Lombardia. Ciò
    significa che riduzioni anche drastiche del trasporto su auto, ma circoscritte alla sola area urbana di Milano (estensione AREA C, limitazioni veicoli diesel) porterebbero a una discesa
    della concentrazione media di annua di PM2.5 limitata a pochi punti percentuali.”
    Anche se si tratta di particolati di due diverse dimensioni il fatto che il dato ARPA sia circa il triplo del DATO RSE mi pare ponga qualche interrogativo.

  2. Abbiamo chiesto ad ARPA Lombardia di fornire una risposta alle osservazioni formulate dal nostro lettore, eccola:
    “L’osservazione dell’attento lettore merita sicuramente di essere presa in considerazione. Ogni qual volta, infatti, che ricerche diverse non arrivano alle stesse conclusioni, è importante capirne le ragioni per migliorare le valutazioni. I dati di ARPA Lombardia, sono i dati delle emissioni di PM10 primario dell’Inventario delle emissioni INEMAR costruito a partire da informazioni con dettaglio comunale disponibili per l’intero territorio Lombardo. Lo stesso inventario delle emissioni INEMAR, stima del resto che il contributo del traffico – se non si considera il solo territorio comunale ma anche i comuni circostanti o l’intera Lombardia – è inferiore, diventando la legna la prima fonte di PM10 primario. I dati citati nello studio sono invece riferiti al PM10 complessivo, primario e secondario. Andrebbe poi approfondito il dettaglio spaziale e le modalità con cui i ricercatori hanno prodotto i risultati citati, nonché le finalità del loro studio.

    In questo caso, però, è obbligo sottolineare che i dati citati non sono in realtà così diversi come possono apparire alla prima lettura. Le percentuali citate dal lettore sono infatti riferite al PM10 totale (compreso quello che si forma in atmosfera) e non solo al PM10 primario. Si riferiscono poi al solo traffico privato e non al contributo totale del traffico; nello stesso studio di RSE si dice, infatti, che per la città di Milano “Complessivamente, il trasporto su strada è responsabile per circa il 30% delle concentrazioni medie annue di inquinanti” . Fermo restando le differenze, legate ad approcci e finalità diverse (ricordiamo che l’inventario delle emissioni non è uno studio di source apportionment), anche lo studio citato conferma che il traffico contribuisce importanti ai livelli di PM10 della città, sebbene non sia certamente l’unica fonte di inquinamento.”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.